Questo sito contribuisce alla audience di

Marathon mondiali, europei e tricolori

Marzio Deho e Alexandra Hober sono loro i primi a vestire la maglia di campioni italiani di Marathon...in attesa dei mondiali passando prima dagli europei...

Manca poco più di un mese e mezzo all’esordio della specialità Marathon
ai mondiali di mtb, che per quest’anno si disputano in

src="./13-07-03Marathonmondiale_file/image001.gif" alt="MARATHON 2003
"
v:shapes="_x0000_s1026">

Manca
poco più di un mese e mezzo all’esordio della specialità Marathon ai mondiali
di mtb, che per quest’anno si disputano in Svizzera a Lugano. Le notizie sulla
neonata specialità si moltiplicano con l’avvicinarsi dell’evento, ma prima del
fatidico giorno (31 agosto), ci sono altre due importanti occasioni per vedere
questa nuova competizione: i campionati Europei ed il campionato Italiano.

Gli
Europei sono in programma in Austria a Graz, ed assegneranno il titolo della
Marathon il 17 agosto (104 km la prova maschile, 60 quella femminile); mentre
il campionato Italiano proprio oggi 13 luglio, in occasione della GF Gardena
Starbike, ha assegnato le prime due maglie tricolori della specialità.

In
campo maschile per confermare il grande stato di forma la vittoria è andata a
Marzio Deho, il portacolori di casa Olympia è “volato” lungo i 58 km del
percorso in 2 ore 21 minuti 52 secondi. Alle spalle del bergamasco sono
arrivati in volata De Bertolis e J. Pallhuber, quarto Fontana, quinto Zoli.

Tra
le donne vittoria meritata e forse alla vigilia insperata di Alexandra Hober,
l’atleta della Ktm ha preceduto la superfavorita Bertossi, mentre terza è
giunta la Brunati. Da segnalare l’ottima prestazione della sempre giovane Maria
Canins che si è piazzata al quinto posto.

Tornando
alla Marathon mondiale, negli scorsi giorni alcuni biker hanno provato il
percorso di gara, fra questi anche Paola Pezzo e Brentjens. Al termine della
ricognizione i commenti sono stati piuttosto simili, l’atleta veronese ha
detto: ”Un tracciato incantevole, duro, tecnico e molto impegnativo. Richiederà
molta saggezza, chi partirà troppo forte correrà il rischio di saltare.”

Il
commento di Brentjens è stato: ”E’ un tracciato bellissimo ma molto, molto
impegnativo. Bisognerà sapersi amministrare e sopratutto trovare l’attimo
giusto per piazzare l’affondo decisivo.

Paola
Pezzo non ha ancora sciolto i dubbi sulla sua partecipazione alla prova
iridata, mentre Brentjens ha confermato l’intenzione di partecipare sia alla
Marathon sia alla prova di cross-country.

Lo
svizzero Frischknecht disputerà invece la Marathon con una mtb appositamente
preparatagli dalla Scott, per rispondere meglio alle esigenze del tracciato
mondiale.

Inoltre
per chi lo desiderasse, sono disponibili le cartine del percorso.

INFO:
press@lugano-mtb2003

TEL.    +4191 930 66 23

FAX    + 4191 946 38 28