Questo sito contribuisce alla audience di

Appennino bolognese

Questo itinerario è una proposta a cura di Halverman, un'escursione sull'appenino bolognese "sconfinando" in Toscana...
src="./03-12-28%20Chiapporato-Fossato_file/image001.gif"
alt="Chiapporato-
Fossato" v:shapes="_x0000_s1026">

LUNGHEZZA              
Circa 30 km

DURATA                      
Circa 5 ore

CARTOGRAFIA          
Appennino Tosco Emiliano ed. Multigraphic foglio23 oppure carta
escursionistica del parco

                                      Regionale dei due Laghi , a
cura del comune di Castiglione dei Pepoli CAI e Pro Loco.

GRADO DI

PERCORRIBILITA’    
Strada bianca-sentieri con tratti molto tecnici-strada
asfaltata(2,5+1,5km) e purtroppo circa 15

                                      Minuti +15 minuti di bici in
spalla.

VARIANTI                  
*Anzichè percorrere tutta la strada asfaltata è possibile pochi km
prima, deviare su strada sterrata

                                        A sx, nei pressi di una
sbarra, dopo la quale lungo una salita piuttosto dura si giunge direttamente

                                        all’attacco delle Scalette.

                                     

                                      **Avendo ancora tempo a
disposizione, è possibile da questo punto imboccare la carrozzabile a dx

                                          e poi al primo bivio a sx
sempre in discesa, al termine della quale, in località S.Giuseppe(edicola

                                          votiva), si lascia la
strada per imboccare a sx il sentiero che si inoltra nel bosco CAI N°001.

                                          Seguirlo tutto fino a
quando in vista del bacino converrà abbandonarlo per scendere alla diga.

DESCRIZIONE DELL’ITINERARIO

Lasciata l’auto nei pressi del bacino Brasimone, imboccare
la strada asfaltata che costeggia il lago sul lato ovest, e seguirla sempre
costeggiando il torrente Brasimone, senza mai deviare. Così facendo si arriverà
in località CA FONTANA DEL BOIA qui al bivio prendere a dx ed al bivio seguente
in salita ancora a dx(indicazioni per i LAVACCIONI sentiero N°7).

Si sale sempre su comoda sterrata, alle case dei
Lavaccioni(quota 970m circa), si tralascia la deviazione a sx e si continua a
salire tra i boschi di conifere, quasi alla sommità si può notare e quindi
prendere sulla sx un sentiero CAI N°001 indicazioni per Monte
Calvi-Chiapporato.

Con un percorso di tipo saliscendi, restando all’incirca a
quota 1000m si può godere del panorama che spazia tutta la vallata del Lago
Brasimone.

Arrivati alla forcella detta Croce di Geppe(edicola Votiva
quota 1140m), da qui è possibile ammirare tutta la vallata del Limentra su cui
si affacciano le borgate di Fossato Stagno e Chiapporato, sul versante opposto
a pochi minuti si trova l’Eremo del Viandante, ottimo punto di sosta(il bivacco
è sempre aperto a tutti, si raccomanda un comportamento civile.) Ma la meta del
nostro itinerario si trova sotto i nostri piedi, sul sentiero N°4.

Fatti i primi metri a piedi(attenzione al sentiero molto
esposto), ci si lancia (per modo di dire) giù per uno spettacolare sentiero
roccioso che costeggia il precipizio, la vostra abilità nei tornanti sarà messa
a dura prova!!.

Il sentiero verso la fine si inoltra in uno splendido bosco
di castagni e diviene anche più “abbordabile”. Raggiunto l’antico abitato di
Chiapporato(880m circa) privo di luce,acqua e strada d’accesso. E’ possibile
dissetarsi ad una fontana e lasciarsi cullare dalla pace di questo luogo magari
visitando i resti delle antiche costruzioni dei pastori e boscaioli che per
anni hanno qui abitato.

Dopo un’adeguata sosta si ritorna sui nostri passi fino ad
incrociare sulla dx il sentiero CAI N°21/A per Fossato. All’inizio il sentiero
sarà facilmente percorribile fino ad aggirare il P.gio di Valigella,880m. Da
qui in poi si scende bruscamente ma senza pericoli fino al fondo del fosso Del
Ceciale, 660m.

Si risale leggermente pedalando e spingendo fino a giungere
a Fossato,710m. siamo in Toscana il paese si contrappone a Chiapporato è ancora
abitato e anzi ci si può meritatamente rifocillare all’unica trattoria,
assaporando gli antichi sapori.

A pancia piena(senza esagerare) riprendiamo la salita su
asfalto verso il Passo del Tabernacolo,970m., dove ci aspetta una dura salita
che parte a sx,sentiero CAI N°00, che si affronterà con bici a spalla. Dopo
circa 15 minuti eccoci a P.gio Roncomannaio,1100m, si risale in sella per
affrontare una breve discesa sino all’attacco del M.te Scalette,1190.(*)

Un’altra breve salita con la bici a spalla e si giunge ad
una biforcazione, scendere a sx per la Croce di Geppe sentiero CAI 1/A, fate
attenzione : quando il sentiero riprende a salire, pochi metri in basso sulla
nostra dx scorre il sentiero CAI N°1 che dovremo seguire verso Est.

Questo sentiero con tendenza a salire si inoltra prima tra
felci e poi tra faggi fino ad incontrare e coincidere per un breve tratto con
il sentiero CAI N°00, in questo punto è possibile notare gli antichi cippi che
dividevano lo stato pontificio dal ducato di Toscana. Seguendo sempre il
sentiero CAI N°1, immersi in una splendida faggeta scendiamo alla Sorgente
della Faggeta,1160m. Il sentiero ora risale verso monte della Scoperta,1275m, e
poi ridiscende fino ad incrociare una carrozzabile(**).

Imboccata la carrozzabile verso sx, si scende a tuono fino
ad incrociare il primo bivio incontrato all’inizio del percorso, e da qui si
prosegue per la strada dell’andata costeggiando il bacino fino al punto di
partenza.

Ringrazio Halverman autore di questo percorso.