Questo sito contribuisce alla audience di

L'Inno all'Altro Mondo Celtico

L'inno a Tir Na Nog, mitica terra di giovinezza e di vita, in una poesia dal forte fascino (in italiano e gaelico).

L’inno a Tir Na Nog, mitica terra di giovinezza e di vita, in una poesia dal forte fascino (in italiano e gaelico).

Perchè la morte è solo una tappa intermedia, di una lunga vita, nella Terra dei Giovani …

Terra di giovinezza e terra di vita

terra priva di dolore

lontana nell’occidente dorato

sulla riva del mare azzurro

possiedo una barca di cristallo veloce

come occhi mortali non videro mai

noi andremo verso quella terra prima che cada la notte

sulla mia barca veloce e splendente

Andremo verso la riva di quella terra assolata

libera di sacerdoti e di demoni

verso la terra della giovinezza, nell’occidente dorato

sulla riva del mare azzurro

la terra dalle valli verdeggianti

ruscelli chiari e pianure fitte d’erba

una terra di pace, serena, priva di morte e di dolore

dove è sempre estate

Tir na nog agus tir na mbeo

tir gan bran ar bith

tà si i gcein san iar thar bui

ar chòadach na Mara goirme

tà curach luath de christal agam

mach bhfaca suil bhàsmar go deo

iochaimid go tir sin raimh titim na hàche

i mo churaigh luaith ghil

tiochaimid go cladach na tire grianmha ire sin

gan draoithe’s gan deamhain chom maith

go tir na nog, son iar thar bui

ar chladach na mara goirme

tir aoibhinn a bhfuil gleannta naine inti

sruthanna gela’s màmsa fèarmhara

tir shitheach shàmh gan blàs is gan timmeas

mar a bhfuil samhradh ann go deo

la poesia è chiaramente ispirata a quanto si legge ne La navigazione di Bran, e al racconto delle avventure di Condla il Bello, figlio di Conn dalle cento battaglie, cfr. Le Roux-J. Guyonvarc’h pagg. 358 segg., e l’ho trovata qui:
http://digilander.libero.it/letiziapetroni/bardi.htm

Ultimi interventi

Vedi tutti