Questo sito contribuisce alla audience di

Johann Sebastian Bach

Biografia

Nasce il 14/03/1685 da una famiglia di musicisti
A 10 anni rimase orfano e venne educato dal fratello maggiore. Nello stesso periodo cominciò la carriera di soprano a LUNEMBURG dove conobbe l’organista BÖHM con cui completo lo studio dell’organo e del clavicembalo.
Nel 1703 fu organista ad ARNSTADT, nel 1707 fu organista a MÜLHAUSEN, nel 1708 a WEIMAR e nel 1717 a ANHALT-CÕTHEN.
Dal 1723 fino alla morte fu a LIPSIA come maestro di cappella a THOMASKISCHE e direttore generale della musica della città. Ebbe 2 mogli e venti figli, quattro dei quali diventarono importanti musicisti. La sua grande opera venne pubblicata in 59 volumi pubblicati in 46 anni. Bach mori a LIPSIA nel 1750.
Bach fu compositore di Messe, Passioni e Oratori,Cantate sacre e profane; musica d’orchestra; musica da camera per vari strumenti, opere d’organo, opere per clavicembalo e per altri strumenti.

Le Messe sono quella in Si minore, cattolica e altre 4 consistenti in solo KIRIE e GLORIA secondo l’uso Luterano. Di Passioni a noi ne sono pervenute 2, quella secondo Matteo e secondo Giovanni, ma dovrebbero essere 5 ( secondo Marco, secondo Luca e una su testo di PICANDER). Gli Oratori non sono che Cantate da chiesa più sviluppate. Le cantate da chiesa sono una grande specialità di Bach. Ognuna è formata da sei o sette pezzi con riferimento ad un corale che si presenta quasi in tutti i pezzi. Cominciano e finiscono con il coro e sono accompagnate da una orchestra molto ridotta con basso continuo per organo. Le Cantate profane sono molto più piccole di quelle da chiesa e vennero scritte per il COLLEGIUM MUSICUM ,fondato da Telemann, e per eccompagnare le feste di corte. Poi scrisse 4 OVERTURE ( suite per orchestra ), 5 concerti detti BRANDERBURGHESI, 9 concerti per un clavicembalo, 3 per due clavicembali, 2 per 3 clavicembali e 4 concerti per violino solo e 1 per due violini.

Tra la musica profana merita ricordare le sei sonate per violino solo e le otto sonate più una Fuga per violino e clavicembalo. Ci sono ancora 6 sonate per clavicembalo e flauto, 6 suite per violoncello solo, 3 sonate per clavicembalo e viola da gamba, 1 sonata per 2 violini e clavicembalo e 2 sonate per flauto, violino e clavicembalo. Scrisse tantissimo anche per organo, ricordiamo la Passacaglia in Do maggiore, le sei sonate, le 5 Fantasie, la Pastorale, 3 fantasie e fuga, 26 preludi e fuga, 3 preludi staccati e 6 fughe, 1 trio, 46 preludietti di corale, 4 gruppi di variazioni su corali e 63 grandi preludi e corali. Per clavicembalo scrisse 6 partite, il concerto Italiano, i duetti, i preludi corali, le variazioni su un tema di GOLBERG, il clavicembalo ben temperato diviso in 2 libri ognuno composto da 24 preludi e 24 fughe in tutti i toni della scala, 6 suite Francesi, 6 suite Inglesi, 15 invenzioni a 2 vovi, 15 invenzioni a 3 voci, la fantasia e fuga in la minore, la toccata e fuga, il capriccio sopra la lontananza del fratello e infine l’offerta musicale e l’arte della fuga.