Questo sito contribuisce alla audience di

Una mente prodigiosa al servizio della musica - Prima parte

La storia della musica è costellata non solo da compositori ed esecutori che edificano, opera dopo opera, l'immane costruzione artistica che si innalza davanti ai nostri occhi, ma anche da quei critici, quegli storici e quei musicologi il cui compito è di sistematizzare, organizzare, decifrare, spiegare una mole sterminata di generi, stili e composizioni musicali.

Musa della musicaLa storia della musica (che per gli antichi Greci era rappresentata da Euterpe, la musa della poesia lirica, della musica e del flauto, nella foto a fianco) è costellata non solo da compositori ed esecutori che edificano, opera dopo opera, l’immane costruzione artistica che si innalza davanti ai nostri occhi, ma anche da quei critici, quegli storici e quei musicologi il cui compito è di sistematizzare, organizzare, decifrare, spiegare una mole sterminata di generi, stili e composizioni musicali.

Fotografia del celebre scrittoreIn fondo, come affermò paradossalmente e provocatoriamente lo scrittore e saggista irlandese Oscar Wilde (nella foto), il vero artista è proprio il critico, in quanto il suo atto creativo, ossia dipanare, decodificare e rendere comprensibile l’opera d’arte in sé, permette l’atto di disvelamento della stessa creazione artistica. Il critico, e ciò vale per qualsiasi disciplina artistica, è fondamentalmente il “deus ex machina” che permette la comunicazione, la fruibilità dialettica tra l’artista e il pubblico, il “medium” indispensabile tra il mistero artistico e la sua assimilazione oggettiva.

Il grande musicologo ingleseTenendo presente tale assioma ermeneutico, ci possiamo chiedere come avremmo potuto penetrare, sondare in profondità gli abissali meandri artistici del meraviglioso mondo dei Lieder senza l’opera e le geniali intuizioni estetiche di uno dei più grandi musicologi e storici della musica dello scorso secolo, Eric Sams (nella foto a fianco), una delle più prodigiose menti al servizio della musica colta, al quale il musicista e musicologo Erik Battaglia (del quale abbiamo già avuto modo di parlare precedentemente per via della sua benemerita iniziativa di dare vita al sito Internet “Lieder Sound Archive”) ha deciso di dedicare appunto l’interessante “Centro Studi Eric Sams” (link: http://www.ericsams.org/), che è presente sulla grande rete dallo scorso anno.

Grazie a questo essenziale ma indispensabile sito, l’appassionato, il musicofilo, lo studente e il semplice curioso possono essere introdotti alla straordinaria vastità di intenti, di interessi culturali, di opere critiche e saggistiche ai quali Eric Sams si dedicò nella sua incredibile vita di geniale studioso, una vita davvero unica, che merita di essere succintamente raccontata, come vedremo nella prossima parte.