Questo sito contribuisce alla audience di

Argomenti correlati

  • Appunti di storia del Concerto per violino e orchestra - Quindicesima parte

    Fino a qualche tempo fa si è voluto ravvisare nel concerto n. 4 in re maggiore per violino e orchestra K. 218, datato “Salisburgo, ottobre, 1785”, la parafrasi di un lavoro di Luigi Boccherini.

  • Appunti di storia del Concerto per violino e orchestra - Quattordicesima parte

    Il terzo concerto per violino e orchestra in sol maggiore K. 216 è il primo dei cinque concerti a essere entrato stabilmente in repertorio.

  • Le opere mozartiane per le voci dei castrati - Prima parte

    Come altri compositori tra il XVII e il XVIII secolo, anche Mozart ebbe modo di scrivere opere per le voci dei castrati, ossia per quei cantanti con voci di soprano e contralto, ottenute mediante una pratica in uso a quel tempo, quella della castrazione, effettuata prima della pubertà.

  • Il “Don Giovanni” di Carlos Saura

    In occasione dell’uscita dell’ultimo film di Carlos Saura, uno dei maggiori cineasti spagnoli, dal titolo “Io, Don Giovanni”, la casa editrice Electa ha pubblicato un bellissimo volume fotografico che ripercorre la storia di Lorenzo da Ponte.

  • Una banale infezione uccise Mozart

    Sarebbe bastato un comune antibiotico per poter salvare Wolfgang Amadeus Mozart. Peccato che nell’epoca in cui visse non fossero stati ancora inventati questi medicinali, i quali lo avrebbero curato da quella banale infezione da streptococco che lo portò alla tomba all’età di soli 35 anni.

  • Vittima dell'oblio - Prima parte

    Autore prolifico di musica sacra, tra cui cinquanta messe, allievo prima di Michael Haydn e poi del più celebre fratello Joseph Haydn, il salisburghese Sigismund Neukomm, nato nel 1778 e morto a Parigi nel 1858, appartiene a quella pletora di musicisti osannati e ammirati nel corso della loro vita e poi scivolati, spesso inspiegabilmente, nelle voragini dell’oblio.