Questo sito contribuisce alla audience di

VERONIKA

La biografia

Veronika ha 24 anni e non sta ferma un attimo: l’unico posto in cui non canta è sotto la doccia, o almeno, questo è quello che dice lei. Entrata a pieno diritto nella sua stagione positiva, quella dell’Anno del Dragone, che l’ha lanciata definitivamente nel mondo della musica Veronika sorride leggendo il suo oroscopo cinese. Dal trionfo annunciato nel 2000, in cui ha dato la voce al progetto CRW curato da Mauro Picotto al 2001, nel quale il suo nuovo singolo, “After The Rain”, caratterizzato da un sound tipicamente techno trance influenzato da atmosfere anni Ottanta, irrompe sul mercato internazionale.

E ora “Precious Life”, sempre dei CRW, è in imminente uscita e già è apprezzato da molte emittenti radiofoniche.
Impegnata in tour promozionali, in Italia e all’estero, per il domani pensa a un album perché, come lei stessa dice, “il primo singolo, ‘I Feel Love’, è fortissimo e dopo a un doppio follow-up come ‘Lovin” e ‘Sweet Dream’ è quasi impossibile lavorare a un progetto maggiormente ampio”. Il suo produttore discografico è Mauro Picotto. Lui si cela dietro i Crw, acronimo di crew, la ciurma, la banda che lo staff di Bxr (techno gruppo Media Records) ha prodotto sotto la supervisione dello steso Picotto per la NoiseMaker.

Ama molto i Morcheeba e Macy Gray, e la sua voce può a essere avvicinata proprio quella di Sky, non tanto per il timbro, quanto per la dolcezza che le accomuna. Veronika non ascolta solo musica house e adora gli Africa Unite, che sono di Pinerolo, provincia di Torino, dove è nata lei. Dice di se stessa: “sono timidissima, ma sul palco cambio molto, tanto che anche gli amici più intimi non mi riconoscono nemmeno”. Forse proprio per combattere questa innata timidezza, Veronika ha voluto viaggiare molto, e ha vissuto per un intero anno in Alaska, dove, oltre a imparare perfettamente l’inglese, giocava a calcio (è una appassionata di tutti gli sport, ha praticato anche il softball e hockey su ghiaccio). E ha imparato a stare sul palco fin da giovanissima, facendo tre anni di teatro; la musica e lo studio di canto sono arrivati un po’ per caso, solo per rinforzare una voce che era troppo timida per arrivare alle ultime file. Poi tutto è diventato chiaro.

Sui disc jockey e le discoteche non ha teorie. “E’ un mondo nuovo, per me: sono in continua esplorazione”.
E ora sarebbe difficile dire che la “cura” contro la timidezza non ha funzionato: Veronika si è comprata una Harley Davidson 1200, che guida personalmente, nonostante non sia certo la moto più facile per una ragazza come lei.
Progetti futuri? “Non mancheranno le sorprese, che avranno a che fare anche con progetti di musica italiana”. Prepariamoci!

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati