Questo sito contribuisce alla audience di

Tutto su Luka Bernaskone

Intervista Esclusiva

Come nasce artisticamente Luka Bernaskone?

esattamente nel 1986 vengo folgorato da un fulmine passionale…….di nome House Music,da li’ incomincio a muoverme i primi passi classici,cioe’ acquistare dischi per costruirmi un background,la classica componentistica hi-fi dilettantisca per provare a pasticciare qualcosa…..beh devo dire che il mio esordio in consolle di un locale avviene nel 1988……non avevo neanche la valigia per i dischi,me la regalarono in seguito i proprietari di quel locale, Baiablanca (Cn).in quel periodo però esplode il fenomeno rave ecc. e abbandono la musica cosidetta commerciale per addentrarmi nel fenomeno underground,definizione molto in voga in quei tempi……ma racchiudeva null’altra che house music…….beh qualche rave lo fatto……e organizzato qualche primo after hour….devo dire anche inconsciamente……..dopodichè per anni ho solo fatto le classiche serate saltuarie…….penalizzato anche un po’ dalla zona dove risiedo, il basso Piemonte poco aperta a Novita’ in fatto di clubbing e musica. La fine degli anni novanta mi vede collaborare con i seguenti staff di pubbliche relazioni Piemontesi Shock&Chic e urban people e l’Ozono management per la Liguria. Collaborazioni che durano tutt’ora.

C’e’ da segnalare anche il mio esordio discografico con i colleghi Pittaluga&Rossini,il mix era Friskycrew-the paradise inspired-white label distribuito level one. Arriviamo ai giorni nostri, l’amico e grande collega Roberto Intrallazzi da cui traggo continuamente ispirazione e insegnamenti, mi consiglia alla proprieta’ del Bolgia di Bergamo e dalla stagione 2003 sono resident , locale che mi sta ‘ regalando tanta energia da parte del suo pubblico del suo staff e della proprieta’ e tanta esperienza da acquisire potendo affiancarmi a djs di calibro Mondiale.

Come definisci il tuo sound?

non amo molto le definizioni…..mi sembra che sminuiscano il significato della musica……io metto house music di varie sfumature,con lati più deep house,a volte più vocali oppure più tribali ed elettroniche,ma il principio e’ sempre quello House Music,musica fatta in casa……e di qualita’.

Quali sono i 3 dischi Old School che non possono mancare nella tua valigetta?

Eh te ne direi almeno trenta e non basterebbero………ti elenco 3 che hanno magari dei messaggi personali a me legati…Frankie Knuckles-the whiste song-virgin,Rhythm is Rhythm-string of life-(transmat),First Choice-the player-(salsoul)……..ma so’ gia’ che piangero’ perche’ ne ho tralasciati molti……..

I 3 dischi che attualmente suoni di più nei tuoi dj-set?

Outwork-electro-cube guys rmx (melodica)l’inno della stagione 05/06 del bolgia e non solo…….

Danny Tenaglia-d-ibiza- (stereo)il ritorno di un mio idolo……

Cube Guys-that women- (white) sara’ l’inno del bolgia 2006/7 e non solo……

Siamo in piena era digitale, meglio i Cd oppure il vinile?

io sono aperto a qualunque innovazione purche’ costruttiva, per cui vinile o cd,importante il contenuto cioe’ bella musica.

Vuoi lanciare un messaggio a tutti i lettori di superEva Dance?

direi 2 messaggi:la passione non si vende…..non si compra…….l’altro:costruire il nostro quotidiano sul sorriso……….

Grazie dello spazio concessomi…Luka

By Alex dj Global Byte & dj Crystal

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti