Questo sito contribuisce alla audience di

Ambrogio Sparagna a San Remo con Nino d'Angelo

Il musicologo Ambrogio Sparagna, in una grande performance a Sanremo nella terza serata del Festival insieme a Nino d'Angelo Maria Nazionale, ed una rappresentanza di grandissimi interpreti della tradizione musicale popolare del grande meridione d'Italia

Ambrogio Sparagna

Ma nonostante cio’, il brano di d’Angelo non viene ripescato.
Rimane una bellissima interpretazione grazie al contributo del popolare Maestro Ambrogio Sparagna, che ho avuto modo di apprezzare in un concerto dedicato al repertorio di Sant’Alfonso Maria de Liguori con Peppe Servillo.
AMBROGIO SPARAGNA con i suoi solisti dell’Orchestra Popolare Italiana dell’Auditorium Parco della Musica di Roma etnomusicologo tra i piu’ conosciuti d’Italia e direttore d’orchestra Ambrogio Sparagna, ha selezionato alcune delle più belle “voci del Sud” che hanno accompagnato il pezzo di Nino d’Angelo “Jammo Jà” nei vari dialetti meridionali: “Alessia Tondo (PUGLIA), Mario Incudine (SICILIA), Raffaello Simeoni (LAZIO), Danilo Montenegro (CALABRIA), Francesco Triunfo (BASILICATA), Ambra Pintore, (SARDEGNA).
Maria Nazionale

AMBROGIO SPARAGNA, racconta -

“L’idea me l’ha accennata Nino per telefono e mi ha trovato subito entusiasta: tradurre il testo del suo brano Jammo Ja, in cui duetta insieme a Maria Nazionale, nel maggior numero di linguaggi popolari, cantarla insomma in una serie di lingue regionali del sud Italia.
L’incontro è avvenuto pochi giorni dopo, in tutta semplicità, come sempre è successo tra di noi nel corso dei tanti anni di conoscenza e reciproca stima. Mi ha fatto sentire la canzone. Parla di un Sud che vuole vivere con dignità le proprie contraddizioni.
Un pezzo magnifico, pieno di sincerità e di speranza, una grande canzone di Nino D’Angelo. E’ in quella circostanza che ci siamo detti che declinare il testo nelle varie lingue regionali avrebbe nobilitato il messaggio da trasmettere al pubblico.
Credo che mi abbia cercato proprio in virtù della mia esperienza, delle mie ricerche e della mia pratica musicale della tradizione popolare italiana.
Su questa base così ricca, direi inesauribile, ho costruito nel corso dei decenni tanti percorsi culturali che sono confluiti nella grande Orchestra Popolare Italiana dell’Auditorium Parco della Musica, che ho fondato tre anni fa.
Saranno proprio i cantori dell’Orchestra, scelti uno per ogni diversa regione, a eseguire nelle svariate lingue il pezzo di Nino. Quindi avremo Alessia Tondo, la più giovane interprete salentina della taranta, Mario Incudine, vincitore del Festival della canzone siciliana del 2009, Raffaello Simeoni, affermato testimone del dialetto laziale-abruzzese, Danilo Montenegro, erede della tradizione dei cantastorie calabresi, Francesco Triunfo, cantore della Basilicata, Ambra Pintore, splendida scoperta dalla Sardegna. Direi che il significato dell’operazione è semplice e allo stesso tempo alto e prezioso.
Restituire alla grande tradizione popolare il ruolo di custode della memoria, di riscoperta delle radici, ma anche di riserva aurea della contemporaneità.
La musica che abbiamo nelle vene echeggia sempre nelle grandi composizioni. Avviene con i classici della lirica così come con i ritornelli del festival di Sanremo. La bravura sta nell’arricchimento, non nel tradimento o nella scopiazzatura.
Nel nostro piccolo pensiamo di aver realizzato un piccolo sogno innovativo. Una canzone che nasce dal popolo e ritorna al popolo.”

Nino d'angelo

Il testo della canzone - Jammo jà

Jammo jà guadagnammece ‘o pane
Nuie tenimmo ‘o sudore int’ ‘e mane
E sapimmo cagnà
Jammo jà e facimmo ampresso
Sott’a st’italia d’ ‘o smog e d’o stress
Nuie mimmo ‘e furbe sa s’hann ‘a fa’ fess
Simmo nate cu’ duie destine,
Simm”a notte e simmo matina
Simme rose e mimmo spine
Ma simmo ramo d’ ‘o stesso ciardino
Meridionale
Simmo terra chiena ‘e mare
Ca nisciuno pò capì
Stammo buono e stammo male
Jammo annanz’ accussì
‘A fatica è nu regalo
E ‘a speranza ‘e partì
Jammo jà e dammece ‘a mano
Si stammo nzieme putimmo ì luntano
Nun se pò cchià aspettà
Jammo jà ca sta vita va ‘e press
Nuie simmo ‘a casa de vase e ‘d carezze
Ma fa nutizia sultanto ‘a munnezza
Cu sta mafia cu ‘o mandolino
Ca ce hanno mise da sempe ncuolle
Simmo ‘a faccia ‘e ‘na cartulina
Ca ce svenne pe tutt’ ‘o munno
Meridionale
Simmo voce ‘e miez’ ‘o mare
Ca nisciuno vo sentì
Simmo l’evera appicciate
Ca nun sape maie a chi
Simmo ‘o specchio e n’autostrada
Ca nun vonno maie fernì
Addò ‘o viento s’abbraccia ‘o mare
Troppo so’ ‘e penziere
E chi cresce cu ‘o pane amaro
È ‘n’italiano straniero
Si ‘a giustizia se lava ‘e mane
Song bianche ‘e bandiere
E chi maie po penzà a dimane
Nasce priggiuniero…
Simmo nate cu’ duie destine,
Simm”a notte e simmo matina
Simme rose e mimmo spine
Ma simmo ramo d’ ‘o stesso ciardino
Meridionale
Simmo terra chiena ‘e mare
Ca nisciuno pò capì
Stammo buono e stammo male
Jammo annanz’ accussì
‘A fatica è nu regalo
E ‘a speranza ‘e partì
E guagliune d’ ‘e viche ‘e napule
Nun saranno maie re
Dint’ ‘o zen ‘e palermo se bevene ‘o tiempo
P’ ‘a sete ‘e sapè
E nun è maie facile a durmì cu ‘e pecchè
A campà cu ‘a pacienza è ‘o cchiù grande equilibrio
Pe chi po cadè

La fotografia del maestro Ambrogio sparagna appare per gentile concessione di “Frappappino”