Questo sito contribuisce alla audience di

Intervista al pianista Francesco Turrisi

Il giovane pianista si racconta in una appassionata intervista, muovendosi tra jazz e musica antica

Francesco Turrisi nasce a Torino nel 1977. Studia piano in Olanda presso il “Royal Conservatory” dell’Aia. Oltre al piano jazz studia clavicembalo ed effettua ricerche sulle tecniche di improvvisazione su tastiera del XVI secolo.
I suoi recenti interessi per la musica araba e persiana lo portano a studiare percussioni arabe, persiane e della trazione dell’Italia meridionale.
Attualmente Francesco vive a Dublino, dove si esibisce come pianista, fisarmonicista e percussionista, e dove esercita anche attività didattica.
Ha suonato tra gli altri con: Fay Claasen, Gianluigi Trovesi, Lucilla Galeazzi, John Ruocco, Eric Ineke, Ronan Guilfoyle, Michael Buckley, Dorothy Murphy. Come percussionista e clavicembalista suona nell’ensemble di musica antica L’Arpeggiata.

Alcuni dischi da ascoltare, consigliati da Francesco Turrisi:

Ghada Shbeir-Al Muwashahat
Un bel disco di musica araba della cantante che ha appena vinto un Bbc Award
Yashila-Drive east
Violinista del sud dell’India accompagnata da due percussionisti
Simon Nabatov-Around Brazil
Finalmente un po’ di jazz
Jordi Savall-Orient Occident
In teoria un disco di musica antica, anche se dentro
c’e’ di tutto dal Marocco all’Afghanistan

L’ho incontrato per una breve intervista al Trinity College di Dublino.

Intervista audio a Francesco Turrisi
In che modo ti sei avvicinato all’universo della musica?

Quali sono stati i tuoi musicisti di riferimento?

Da cosa deriva il tuo interesse per la musica antica e per strumenti quali la fisarmonica e le percussioni?

Il tuo coinvolgimento nell’ensemble “L’Arpeggiata”

Progetti più strettamente jazzistici?

E per il futuro…?

Secondo te la fase evolutiva della musica jazz è terminata oppure c’è ancora spazio per l’invenzione?


Foto realizzate da Emma Haugh

Le categorie della guida