Questo sito contribuisce alla audience di

Anthrax - Il comunicato stampa

Ho tradotto per voi il comunicato stampa degli Anthrax, coinvolti loro malgrado nelle tristi vicende degli attacchi batteriologici. Eccolo.

Alla luce degli ultimi eventi, stiamo cambiando il nome del gruppo in qualcosa di più simpatico: “Cestino Pieno Di Bamboline”. Al momento, anche solo il fatto che stiamo scherzando sul nostro nome è triste.

Per tutti i vent’anni che siamo stati conosciuti come Anthrax, non abbiamo mai creduto che sarebbe venuto il giorno in cui il nostro nome avrebbe significato ciò che veramente significa. Quando imparai dell’antrace a scuola durante una delle mie lezioni di biologia, pensai che il nome suonasse “metal”. Tutti nel mio vicinato suonavano in gruppi con nomi che finivano in “er”, come Ripper o Deceiver o Killers, ed io volevo distinguermi. Anthrax suonava fico, era aggressivo e nessuno sapeva cosa fosse in realtà. Fino a qualche anno fa la maggior parte della gente pensava che ce lo fossimo inventato. Anche il nostro album “Spreading The Disease” [diffondendo il contagio, N.d.T.] del 1985 era solo un gioco di parole sul nome: in realtà diffondevamo la nostra musica nel mondo.

Prima della tragedia dell’11 Settembre l’unica cosa che degli Anthrax faceva paura erano i nostri capelli negli anni ‘80 e la copertina di “Fistful of Metal”. La maggior parte delle persone associava il nome Anthrax con il gruppo, non con il batterio. Ora, in seguito a questi eventi, il nostro nome simboleggia paura, paranoia e morte. All’improvviso il nostro nome non è più così fico. Essere associati a queste tre cose che noi aborriamo ci mette in uno stato d’animo strano e spiacevole. Per noi, e per milioni di persone, è solo un nome. Non vogliamo cambiare il nome del gruppo, non perché sarebbe doloroso, ma perché speriamo che non ci siano altri eventi negativi e che quindi non sia necessario.

Speriamo e preghiamo che questo problema se ne vada via in silenzio e che si diventi vecchi e grassi tutti insieme.

Be safe

Scott, Charlie, Frank e John