Questo sito contribuisce alla audience di

Jordan Rudess____Feeding The Wheel___2001

L'album solista dell'attuale tastierista dei Dream Theater.

L’abstract di questa mia recensione potrebbe essere, in alternativa: “se hai poco o nulla da dire in musica, fallo con il maggior numero di note possibile nell’unità di tempo”.

Sì, perché in effetti questo lavoro solista di Jordan Rudess, l’erede di Derek Sherinian alle tastiere dei Dream Theater, dal punto di vista musicale non dice quasi nulla.

In definitiva il disco non è altro che un’esibizione di doti tecniche e virtuosismi che, qualora non dovessero centrare l’obiettivo principale che è quello di dimostrare la perizia strumentistica del nostro Jordan, riuscirebbero probabilmente a distrarre l’attenzione dell’ascoltatore dalla vuotezza di contenuti.

Persino i musicisti “ospiti”, fra i quali figurano nientemeno che Terry Bozzio, Billy Sheehan e John Petrucci, non riescono a mio avviso a “rendere” come dovrebbero nel contesto musicale di Feeding The Wheel.

Il disco risulta piuttosto arido e abbastanza freddino, con Jordan Rudess che si suona letteralmente addosso. Il livello di registrazione delle tastiere è troppo alto rispetto a tutto il resto anche per il disco solista di un tastierista, mentre la qualità di registrazione lascia moltissimo a desiderare.

Nonostante tutto ciò, non mancano alcune parentesi degne di una nota positiva: Shifting Sands, ad esempio, ci regala sei minuti di ascolto piacevole nonostante la prima parte dell’assolo di synth sia brutta ed inadeguata e la registrazione scadente disturbi non poco.

Degna di nota anche la bellezza dell’assolo di tastiere di Dreaming In Titanium - purtroppo in nettissimo contrasto con il resto del brano - e di alcune parti di Revolving Door.

Troppo poco comunque per undici tracce ed un totale di quasi 62 minuti.

A questo punto i miei consigli sono: 1) se siete amanti della musica estrema, ma che sia musica, non comprate questo disco perché le bands validissime in questo genere di musica abbondano e 2) se siete amanti della tecnica pura, l’acquisto di una videocassetta didattica è senz’altro un modo migliore per spendere i vostri soldi.