Questo sito contribuisce alla audience di

Malmsteen in concerto a Firenze

Mercoledì 19 marzo 2003; recupero della data originariamente in programma mercoledì 22 gennaio 2003. Ingresso 20€. Ecco il comunicato.

Il Paganini della chitarra, il Bach del metal, il creatore dell’heavy neoclassico, il vichingo della sei corde, il Maestro…sono questi alcuni degli appellativi con cui viene di solito designato uno dei più geniali chitarristi dell’ultimo ventennio: lo svedese YNGWIE JOHANN MALMSTEEN che suonerà mercoledì 19 marzo al Tenax di Firenze.

Se pensate che tutto ciò sia un’esagerazione significa che non avete mai ascoltato questo eccezionale artista. L’enfant prodige svedese, che fin da bambino si dimostra grande appassionato di musica, comincia la carriera con gli Steeler, band americana che gli permette di sperare in nuove prospettive.

Il successo più grande all’interno di un gruppo arriva con gli Alcatraz, da cui si stacca in seguito per proseguire verso una fulgida carriera solista.

Il primo album solo “Rising Force” (1984) costituisce un tassello fondamentale del metal epico/neoclassico, una sorta di bibbia ispiratrice per tutti gli appassionati del genere, che riesce tuttavia a coinvolgere anche i non chitarristi virtuosi con le proprie trascinanti sonorità.

Al primo hanno fatto seguito più di 20 album, alcune raccolte e svariati live, fra i quali vale la pena ricordare Marching Out (1985), Odissey (1988, l’album che, come evidenziato dal titolo, “racconta” le difficoltà della vita del suo autore dopo lo spaventoso incidente che nel 1987 lo ha lasciato in coma per una settimana e poi costretto ad una lunga riabilitazione), Trial By Fire – Live in Leningrad (1989, un album e video ad immortalare lo storico tour nell’ex Unione Sovietica) e Inspiration (1996) un album tributo ai grandi eroi del rock come Deep Purple, Rainbow, Hendrix, che hanno ispirato il nostro guitar hero.

Fra i lavori più recenti, Facing the Animal (1998) a cui ha fatto seguito LIVE!, una documentazione del tour sudamericano, dedicata alla memoria di Cozy Powell, scomparso poco prima che iniziasse.

Il recente WAR TO END ALL WARS (2000) è intriso di quelle atmosfere gotiche unite al sound epico che sono state la costante caratteristica di tutto il percorso artistico di Malmsteen.

Nel 2001 pubblica Live at Budokan. Nuovamente in tour mondiale, il chitarrista sbarca ora in Italia per permettere ai suoi numerosi fans italiani di godere delle sue speciali acrobazie sulle corde. Fra virtuosismo e nostalgia.