Questo sito contribuisce alla audience di

Eclectic Discs: rivive la scena di Canterbury

"Eclectic Discs" è una nuova etichetta discografica inglese, fondata da Mark Powell che punta a valorizzare la scena canterburiana del rock progressive. Presentata con uno showcase a Firenze con grandi nomi del pop inglese come Audience, Barclay James Harvest, Caravan. Anfitrione Ernesto De Pascale de Il Popolo del Blues. Tra le novità discografiche una monumentale antologia su Barclay James Harvest, il nuovo cd degli Audience e l'album della prog-band Maestoso

Mark Powell
e Ernesto De Pascale

“Eclectic Discs” è una nuova etichetta discografica inglese, fondata da Mark Powell che punta a valorizzare la scena canterburiana del rock progressive. In catalogo nomi storici degli anni ‘70 come Audience, Barclay James Harvest, Caravan. Il catalogo della Eclectic Discs è stato presentato in Italia, con uno showcase a Firenze proprio con i citati mitici gruppi. A fare da padrone di casa, nella presentazione fiorentina, il giornalista Ernesto De Pascale (patron della testata cartacea ed web, “Il popolo del blues”). Da segnalare che un’altra realtà fiorentina, la Audioglobe, distribuirà i dischi in Italia.
“Il mio mestiere – spiega Powell - mi permette di lavorare sulle mie passioni di ascoltatore di gruppi storici del mio Paese. Proprio a Firenze ho trovato, grazie a De Pascale, professionalità ed entusiasmo che non ho poi riscontrato altrove”.
Tra le prime uscite va segnalata la monumentale antologia, con un box di cinque cd, dedicata al prog “pastorale” di Barclay James Harvest - “All is Safered Gathered in” - che copre tutta la carriera della band dal 1967 al 1997. Tra le novità, invece il nuovo gruppo del tastierista dei BJH Woolly Wolstenholme, “Maestoso”; il loro cd “Grim” è allo stesso tempo maestoso e delicato e sfocia nel prog-musical. In evidenza anche il nuovo album degli Audience “Alive & Kickin’ & Screamin’ & Shountin’”, primo cd del post-reunion, registrato dal vivo all’ Astor Theatre, Deal nel 2004. Il gruppo propone alcuni del classici come “You’re not smiling”, “The house on the hill”, I had a dream”, con un mix di progressive, cantautorato acustico e rhythm&blues. In evidenza le riletture di “I wanna be your man” di Lennon/Mc.Cartney e “Morning Dew” di Tim Rose.
Gaetano Menna