Questo sito contribuisce alla audience di

Groove e fusion... in bicicletta

Sotto l'albero di Natale arriva la seconda compilation Raitrade/VideoRadio dedicata a "Fusion, jazz,rock & groove". In copertina un corridore che affronta lo sforzo della salita... una girandola di musicisti e di suoni dei "gregari del sound"

Un corridore che affronta lo sforzo della salita… anche per il vol. 2 della compilation di VideoRadio e Rai Trade, “Fusion jazz rock & groove” (www.videoradio.org) si è voluto, simbolicamente, dedicare la copertina alla bicicletta. Perché la particolarità di queste raccolte è di dare spazio ai “gregari”, a quelli che non vincono la maglia rosa, che non alzano la coppa sul podio.

Il discografico Beppe Aleo, nell’allestire questa compilation (di cui ha curato la produzione artistica), ha voluto mantenere costante la filosofia che è alla base del progetto. Per una volta - anzi per la seconda, essendo giunti al vol. 2, dopo il lusinghiero successo del vol. 1 - la coppa l’alzano i “turnisti”, quei grandi musicisti che sono alla base del successo di tanti artisti italiani ed internazionali. Il gioco è tutto qui: andare nelle retrovie a cercare nel “gruppone” il vero talento, quello che sa aggredire la “salita” con “mestiere”, grinta, passione. E dare al “gregario del sound”, la volata; la possibilità di esprimersi come meglio crede, senza compromessi, tra i suoni che davvero gli appartengono.

La chitarra la fa da padrone nelle venti tracce proposte… quella di Simone Ricci volteggia nel “colloquio” con il violino di Mauro Pagani (PFM, De Andrè, ecc. ecc.). Guizzi elettrici promanano della guitar di Gianni De Chellis (di cui ricordiamo anche libri e video didattici) con performance trascinanti, alla Santana, duettando con il grande chitarrista Hiram Bullock (Clapton, Sting, Davis) o proponendo una sorta di rock classicheggiante con il bassista Matt Bissonette (Vai, Satriani, Ringo Starr). Ritroviamo nel cd il trio Faso-Meyer-Menconi (i primi due sono la sezione ritmica di “Elio e Le Storie Tese”) che accompagnano la chitarra guizzante di Menconi. E’ tutto da scoprire il rock del chitarrista Maurizio Vercon (al suo fianco si alternano Maurizio Solieri e Andrea Innesto “Cucchia”, chitarra e sax della band di Vasco Rossi). E ancora si staglia la guitar lancinante di Luca Pasqua accompagnata dall’irruento batterista Walter Calloni (Pfm, Battisti, De Andrè…); (ma c’è nel cd anche una traccia di Calloni in cui Pasqua ricambia il favore… E la chitarra di Riccardo Cherubini (tra gli altri, con Marco Masini) decisamente ama i duetti: con la guitar di Mario Manzani (anche lui alla corte di Masini…) o con quella di Ricky Portera (a cui molto deve il sound di Dalla).

Sono subito scintille con il contrabbassista Alex Carreri ed il suo ospite, il sassofonista statunitense Eric Marienthal (della Elektric Band di Chick Corea). Eugenio Mori, timpanista alla Scala, è anche un batterista molto attivo (Antonacci, Battiato, Nannini), qui è intenso con il trombettista Daniele Moretto. Anche la tromba di Vito Giordano, ed il suo suono pulito ed incisivo, si staglia in quartetto con Paolo Di Sabatino al pianoforte, Carlos Puerto al contrabbasso, e con l’amico Horacio “El Negro” Hernandez alla batteria ed i suoi ritmi afrocubani.

Molti degli artisti presenti in questa compilation li abbiamo già incontrati nel “vol. 1“, dove c’è anche la musica spagnoleggiante, del duo di Maxx Furian (Max Pezzali, Laura Pausini, Nek…) e Luca Meneghello (Mina, Dirotta su Cuba…). Il contrabbassista jazz Francesco Bertone costruisce un sound d’atmosfera con venature brasiliane anche grazie alla presenza del percussionista Jilson Silveira. Atmosfere tipicamente jazz con Bob Franceschini e la South Vertigo Band. Atmosfere bluesy invece per “The Socialites”, il gruppo formato dal bassista Ferrante.

Entrambi i cd ci indicano un’area di frontiera tra tanti generi musicali, in cui sconfinare è un imperativo. Siamo in una sorta di godibilissima “terra di nessuno” in cui aromi, sapori, ebbrezze si uniscono, si confondono, si amalgamano. Jazz & rock, fusion & groove.

Qui i ruoli si invertono: i gregari diventano star ed i campioni si divertono a fare da spalla; e c’è spazio (e divertimento) per tutti, tra fraseggi, rincorse ed assoli…

Gaetano Menna

La compilation n. 1:

Il “groove” dei gregari

Link correlati