Questo sito contribuisce alla audience di

L' Orchestra italiana di Arbore festeggia al Sistina i 18 anni

L'Orchestra italiana di Renzo Arbore ha festeggiato i grandi successi ottenuti nei diciotto anni di vita e lo ha fatto con l'uscita di un cofanetto, "Diciottanni di... Canzoni Napoletane (...quelle belle)". Precede di pochi giorni il nuovo tour che, dal 28 novembre, parte dal teatro Sistina di Roma. E proprio al Sistina Arbore ha tenuto la conferenza stampa

«Rendere eterna la musica napoletana, la melodia più bella al mondo». E’ questo l’ intento che spinse Renzo Arbore nel 1990-1991 a fondare una vera e propria orchestra, composta da coristi e musicisti (in tutto quindici e quasi tutti di Napoli) ognuno con il proprio strumento con chitarre, mandolini, che potessero accompagnare con il loro suono travolgente, che «seghetta il cuore», il cantante in un viaggio di riscoperta e rivalutazione della musica partenopea, in un periodo in cui essa rischiava di essere dimenticata, considerata obsoleta, antica, “fuori moda”.

Viaggio che nel corso degli anni ha portato Arbore e la sua “Orchestra italiana” in giro per il mondo, trovando successo anche fuori dei confini nostrani, pure in paesi che sembrano essere così lontani da noi, come in Giappone e in Cina, dimostrando quanto sia apprezzata ed amata questa musica all’ estero (resa addirittura oggetto di studio nelle scuole cinesi).

Arbore ha festeggiato i grandi successi ottenuti, nei diciotto anni di vita della sua “Orchestra italiana” («ma maggiorenne l’Orchestra lo è sempre stata», dice lo showman) e lo ha fatto con l’uscita di una raccolta di tre cd intitolata: “Diciottanni di… Canzoni Napoletane (…quelle belle)” (Gazebo Giallo/ Warner Music). Precede di pochi giorni il nuovo tour che parte dal prestigioso palcoscenico del teatro Sistina di Roma (dal 28 novembre al 2 dicembre). E proprio al Sistina Arbore - accolto da Enzo Garinei, direttore artistico del teatro - ha tenuto la conferenza stampa per la presentazione delle nuove iniziative.

Nel cofanetto ritroviamo le più belle canzoni proposte dal cantante foggiano e dai suoi fedelissimi compagni… da” ‘O sole mio”, “Luna rossa”, “Maruzzella”, “Era de Maggio”, “Malafemmena”, a “I’ te vurria vasà”, solo per citare alcuni titoli; ma sono presenti anche brani più recenti come “Meno siamo meglio stiamo” e “Por dos besos” presentati da Arbore nella sua ultima trasmissione televisiva di Rai Uno.

Renzo Arbore riesce a dimostrare a tutti noi come la musica “popolare” napoletana con i suoi suoni, i suoi ritmi, la sua “poesia”, sia ancora in grado di coinvolgere ed attrarre il pubblico di ogni età; va “sdoganata” - come spiega lui stesso - ovvero deve rinascere e tornare ad essere ascoltata anche alla radio e alla televisione, che invece tendono a snobbarla.

Monica Menna