Questo sito contribuisce alla audience di

Ad Aosta, torna il cinema muto musicato dal vivo

Una bella ed originale manifestazione in cui il cinema si sposa con la musica, come avveniva alle origini. Un'occasione per scoprire classici del cinema ma anche la grande capacità dei musicisti di "interpretare" le immagini in note

Nella foto il jazzista francese

Stéphan Oliva

 

 

 

 

 

 

 

STRADE DEL CINEMA 2008

VII edizione del Festival internazionale

del Cinema Muto musicato dal vivo

 

Aosta 10-17 agosto 2008

Teatro Romano

 

 

 

Nella cornice del Teatro Romano si svolgerà ad Aosta, dal 10 al 17 agosto 2008, la settima edizione del Festival Internazionale del Cinema Muto Musicato dal Vivo, promosso dall’Associazione Culturale Strade del Cinema. Il ciclo rende omaggio alla pratica della musicazione “live” di pellicole d’epoca con musiche originali e inedite composte per l’occasione e che accompagneranno la proiezione di capolavori del cinema delle origini.

Strade del Cinema si presenta non solo come un Festival - tra le più importanti rassegne del genere in Europa - ma una grande finestra aperta sulle arti e gli artisti. Il Festival è in sintesi il perfetto connubio tra immagine e suono in più declinazioni, e offre ai musicisti la possibilità di un contatto diretto con l’universo Cinema e in particolare il cinema muto con il concorso “giovani musicisti europei”.

La manifestazione musicale è articolata in due parti: Giovani e Big. La prima, interamente consacrata ai nuovi talenti della scena musicale europea, vede la proiezione, nel corso di cinque serate, di mediometraggi musicati dal vivo da musicisti (singoli o gruppi) emersi dalle selezioni effettuate a Torino (14 giugno Teatro Cinema Baretti).

La seconda sezione è riservata a musicisti già affermati, scelti direttamente dalla direzione artistica, che compongono ed eseguono in anteprima musiche originali per lungometraggi.

Il Festival aprirà con un omaggio a I soliti ignoti di Mario Monicelli.Seguirà la seconda parte della retrospettiva dedicata a Buster Keaton.

Omaggio anche a Segundo De Chomòn con un programma inedito di tre film del pioniere del cinema, musicato dai jazzisti francesi Stéphan Oliva e Jean-Marc Foltz.

Infine, la serata di chiusura vedrà la partecipazione del pianista-bandoneonista Daniele Di Bonaventura. Il film da scoprire sarà Nosferatu di F.W. Murnau.

Link correlati