Questo sito contribuisce alla audience di

Un supergruppo rende omaggio a Yessongs

Un “supergruppo” per tributare un omaggio effervescente agli Yes... il 16 aprile suoneranno assieme alcuni dei migliori musicisti della scena prog romana che riproporranno integralmente, dal vivo, lo storico concerto degli Yes del 15 dicembre 1972; una produzione a cura di Stazione Birra



YESSONGS LIVE
special guest Marco Lo Muscio

Giovedì 16 Aprile 2009 ore 22
Stazione Birra Morena/Roma

LINE UP
Stefano Vicarelli (Fonderia, Advision) : Hammond C3, RMI electric piano, Minimoog, Mellotron M400, piano
Carlo Fattorini (Nodo Gordiano, Oak, Magog) : drums
Gabriele “Bibbi” Ferrari (Snowdogs) : Rickenbacker bass & bass pedals
Frank Varano (PNR) : ac/el Gibson guitars & steel guitar
Claudio Cassio (Orfeo 9/Interference) : vocals

Ingresso 10 euro

Un “supergruppo” per tributare un omaggio effervescente agli Yes.

A Stazione Birra il 16 aprile suoneranno assieme alcuni dei migliori musicisti della scena prog romana: Stefano Vicarelli (Fonderia, Advision) alle tastiere; Carlo Fattorini (Nodo Gordiano, Oak, Magog) alla batteria;
Gabriele “Bibbi” Ferrari (Snowdogs) al basso; Frank Varano (PNR) alla chitarra; Claudio Cassio (Orfeo 9/Interference) alla voce.

Nasce così “Yessongs – Live” la riproposta integrale, dal vivo, dello storico concerto degli Yes del 15 dicembre 1972; una produzione a cura di Stazione Birra, dedicata a tutti i fan del gruppo inglese e del progressive rock in generale, che vuole rievocare la magia di quel concerto rimasto nella memoria collettiva.

Ad aprire la serata l’organista Marco Lo Muscio che presenterà il suo nuovo cd “Dark and Light - Progressive Originals and Transcriptions”.

Il 18 maggio del 1973, gli Yes pubblicavano, in triplo vinile, il loro primo album live. Yessongs è ancora oggi, a più di 35 anni di distanza, un condensato dei brani migliori prodotti dal gruppo inglese: da Hearth of the Sunrise a And You and I, dalla pirotecnica Starship Trooper alla maestosa Close to the Edge, title track dell’album che gli Yes portavano in tour nei concerti del 1972, da cui è tratto l’album.

Probabilmente, ancora più che al disco, la memoria collettiva e la fortuna di Yessongs sono legate alla pellicola dal titolo omonimo, girata durante il concerto al Rainbow Theatre di Londra il 15 dicembre del 1972 e proiettata nelle sale in concomitanza con l’uscita dell’album.

La formazione sul palco è quella che poi passerà alla storia come “classic line up”: Jon Anderson, Chris Squire, Steve Howe, Rick Wakeman (con tanto di mantello) e il nuovo acquisto Alan White, chiamato a sostituire dietro i tamburi Bill Bruford, diretto verso i King Crimson di Robert Fripp.

SETLIST
Intro/Firebird Suite
Siberian Khatru
Heart Of The Sunrise
And You And I
Mood For A Day
Close To The Edge
Wakeman Solo (Excerpts from The Six Wives of Henry VIII)
Long Distance Runaround/The Fish
I’ve Seen All Good People
Yours Is No Disgrace
Starship Trooper
Roundabout