Questo sito contribuisce alla audience di

Anche Claudio Canali nel nuovo disco di Biglietto per l'Inferno.folk

La band, un culto negli anni "70, ritorna in una rinnovata e ampliata formazione per tutti gli amanti, questa volta, del prog-folk. Nel nuovo disco canta, ancora una volta, Claudio Canali oggi Frate Isaia (e c'è anche un suo brano inedito). Questa uscita è molto più di una semplice reincisione di vecchie canzoni: i classici del Biglietto sono stati riarrangiati in una suggestiva e nuova chiave interpretativa. In concerto a Lecco il 6 e 20 febbraio 2010

BIGLIETTO PER L’INFERNO.Folk
I primi concerti/show in agenda

Sabato 6 febbraio 2010 ore 21.00
TEATRO NUOVO - Valmadrera (LC)

Sabato 20 febbraio ore 21.30
OFFICINA DELLA MUSICA - Lecco (via Plava 5)

Sabato 27 marzo ore 16,00
presentazione disco+tour
BERGAMO MUSICA - Seriate (BG)

Giovedì 1 aprile ore 21,00
AMIGDALA THEATRE - Trezzo sull’Adda (MI)

Venerdì 14 maggio ore 21,00 BLOOM - Mezzago (MI)

Biglietto per l’Inferno, la band hard-prog, un culto negli anni “70, ritorna in una rinnovata e ampliata formazione per tutti gli amanti, questa volta, del prog-folk.
Il loro cd “Fra l’assurdo e la ragione” (AMS, distribuzione BTF) arriva 35 anni dopo il disco di debutto.
La formazione è capitanata dai membri originali Pilly Cossa, Baffo Banfi, Mauro Gnecchi, ed è benedetta dall’approvazione e da un piccolo contributo del cantante/poeta/flautista Claudio Canali – famoso per essersi ritirato in un monastero, in pieno contrasto con i suoi versi iconoclasti del passato –.
Questa uscita è molto più di una semplice reincisione di vecchie canzoni: i classici del Biglietto sono stati riarrangiati – ecco il perché del suffisso “.folk”.

La band nata all’inizio degli anno “70 a Lecco, conobbe alcune stagioni strepitose sull’onda dei Festival Rock nei quali furono assoluti protagonisti anche in virtù di un ellepi che, al pari di quello delle Orme, dal Banco o della PFM, disegnava nuovi scenari per la musica italiana. Un disco che conteneva brani come Confessione, Una Strana Regina o Il Nevare assoluti capolavori nel loro genere.

Clamorosi consensi in Italia, alcune tournèe all’estero poi l’improvviso scioglimento a metà “70 a seguito del quale i componenti presero strade diverse e anche decisioni che segnarono una vita: il carismatico cantante Claudio Canali si dedicò a vita monastica in un eremo in Toscana.

Ad oltre trent’anni di distanza eccoli ritrovarsi e scoprire di avere la stessa immutata voglia di sperimentazione verso inusuali percorsi attraverso la musica che comunque nessuno di loro ha mai abbandonato. La gioia di ritrovarsi insieme in interminabili session e la possibilità di esprimersi in un linguaggio attuale che sposa perfettamente il nuovo folk con un prog più d’annata li spinge a realizzare il progetto del Biglietto Per L’inferno.Folk all’interno del quale, oltre alla rivistazione dei brani del primo mitico Lp, trovano posto nuove e colorate composizioni originali. Tra l’altro il cd contiene anche una canzone inedita di Claudio Canali.

Il nucleo storico è coadiuvato da collaboratori di alto valore quali Enrico Fagnoni al basso, Franco Giaffreda alla chitarra e i polistrumentisti Carlo Redi, Renata Tomasella e Ranieri “Ragno” Fumagalli nonchè Mariolina Sala cui spetta l’onere e l’onore di emozionare dando voce alle parole di Claudio Canali.
E Claudio? Dopo la scelta drastica della vita monastica come Frate Isaia, questa volta ha potuto esserci e la sua voce indimenticabile ancora interpreta i testi che la sua intensa anima ha creato. Un vero Biglietto di… ritorno a tutti gli effetti.

Nell’attesa di rivederli sui palchi, specialmente di teatri dove la loro dimensione è più completa, insieme al nuovo cd “Fra l’Assurdo e la Ragione” val la pena anche ascoltare la ristampa in cd, registrata in alta risoluzione, in sole 500 copie, del primo LP del Biglietto Per L’inferno… una chicca per gli appassionati, pensata per il mercato giapponese che li adora.

E a quanto pare il viaggio è appena cominciato.

L’intervista a Baffo Banfi del 2003