Questo sito contribuisce alla audience di

Lo Muscio con Steve Hackett alla scoperta del mondo di Tolkien

Marco Lo Muscio, compositore, organista, pianista di caratura internazionale è sempre più affascinato dal rock progressive. Realizza ora un concept, dedicato a Tolkien, con Steve Hackett, John Hackett , Pär Lindh


Marco Lo Muscio, compositore, organista, pianista di caratura internazionale è sempre più affascinato dal rock progressive. In particolare l’incontro e le molteplici collaborazioni con l’ex chitarrista dei Genesis Steve Hackett (a cui ha dedicato anche due dischi con trascrizioni per organo dei suoi brani per chitarra) lo spingono a proseguire su questa strada.

Realizza ora un disco ambizioso, un concept intitolato “The Book of Bilbo and Gandalf”. (pubblicato da Drycastle Records); sottotitolo “Visioni dal mondo di Tolkien”.
L’uscita è prevista ad aprile 2010

Il disco vede riuniti, oltre al citato Lo Muscio, Steve Hackett, il fratello John Hackett , il tastierista svedese Pär Lindh.

Marco Lo Muscio propone i brani “Visions from Minas Tirith” - con la flautista, concertista di livello internazionale Oksana Sinkova - e “The Hobbit Book”; Steve Hackett: realizza “Galadriel”; John Hackett incide “Thoughts turn Homeward”; Pär Lindh registra “The Fellowship on entering magic forest of Lothlorien”.

L’ artwork del disco, che ci catapulta subito nelle atmosfere magiche di Tolkien, è del musicista e disegnatore Davide Guidoni.

Vedi il promo