Questo sito contribuisce alla audience di

Tony Pagliuca: ormeggiando in laguna

Nella terza decade di aprile uscirà il disco di piano solo di Tony Pagliuca "Apres Midi" dal significativo sottotitolo "ormeggiando"... In copertina ancora una volta, significativamente, un dipinto di Walter Mac Mazzieri, contestualizzato in un ambiente veneziano e lagunare. Una cover davvero suggestiva, ricca di fascino, come il contenuto sonoro.

In anteprima l’immagine che appare sul compact disc

Tra alcune settimane uscirà l’atteso disco di piano solo di Tony PagliucaApres Midi” dal significativo sottotitolo “Ormeggiando“… In copertina ancora una volta, significativamente, un dipinto di Walter Mac Mazzieri, contestualizzato in un ambiente veneziano e lagunare. Una cover davvero suggestiva, ricca di fascino, come il contenuto sonoro.

“Ormeggiando”… il termine ha un doppio significato per questo album che ripropopone alcuni brani di successo scritti da Pagliuca per la sua vecchia band (Le Orme), riletti in chiave acustica al pianoforte. Ma ormeggiando è anche un omaggio del pianista alla sua terra, al suo mare…

I brani proposti sono stati tutti registrati a Mestre (nello studio di registrazione dedicato a Germano Serafin), ad eccezione di due brani: “Aliante” che è una registrazione live effettuata a Firenze il 6 novembre 2009 nel concerto di piano solo effettuato per la rassegna “The Piano Hour Series”; “Immagini” registrato a Nogaredo (Trento) presso lo studio di registrazione di Marco Olivotto.

E’ un disco a cui Tony Pagliuca ha lavorato per ben tre anni (le registrazioni sono state effettuate tra aprile 2007 a febbraio 2010), affinando, perfezionando, cambiando. Molti conoscono la versione di “Gioco di Bimba” al pianoforte proposta su Youtube. Oggi è completamente trasformata. Si è evoluta, così come la tecnica pianistica.

Questa la “scaletta” del disco: Gioco di bimba, Aliante, Venerdì, Verità nascoste, Aspettando l’alba, Immagini, La fabbricante d’angeli, Era inverno, Se io lavoro, Cemento armato, Sguardo verso il cielo, Collage. Le Orme come non le abbiamo mai ascoltate.

Possiamo dire che Tony Pagliuca ha decisamente lasciato gli “ormeggi”.

Gaetano Menna