Questo sito contribuisce alla audience di

Dylan ed il blues "lanzettizzati"

Dylan ed il blues alla maniera di Bernardo Lanzetti... overo "lanzettizzati", passati attraverso la sua lente, la sua rilettura, la sua inconfondibile voce. Escono infatti due dischi che dimostrano il suo amore per la musica anglosassone: "Dylanz" e "Blueslanz" . Dylan e Blues gli calzano a pennello come la sue - anch'esse inconfondibili - giacche...


Dylan ed il Blues alla maniera di Bernardo Lanzetti… overo “lanzettizzati”, passati attraverso la sua lente, la sua rilettura, la sua inconfondibile voce. Escono infatti due dischi che dimostrano il suo amore per la musica anglosassone: “Dylanz” e “Blueslanz” (etichetta “The Voice Impossible”) . Dylan e Blues gli calzano a pennello come la sue - anch’esse inconfondibili - giacche…

Il cantante ha pubblicato un tributo a Bob Dylan attraverso i suoi brani più celebri, un rilettura fatta con cura per evidenziare con la voce unica di Lanzetti le peculiarità musicali e dei testi del grande autore americano. L’altro è una mini raccolta di Blues originali che dimostrano la capacità di scrittura di Lanzetti in un genere che solo apparentemente può apparire lontano dalla sua formazione artistica.

Blueslanz ha il singolo “Miserabile” in doppia versione italiano e inglese.
“Ho pensato a questo disco - spiega l’artista - , perché siamo messi a dura prova dai veloci cambiamenti del mondo e della società. In qualche modo, per esorcizzare le paure per il futuro, il blues può trasformare lo sconforto in nobile energia”.
“Dylanz - spiega - è invece un modo di celebrare il più grande cantautore vivente, prima che il suo stesso mito ne alteri la grandezza e profondità artistica. Ho deciso di interpretare dieci capolavori del cantautore elettrico più un originale tributo in italiano”.

Prima con il gruppo “Acqua Fragile” e poi con la “PFM”, Bernardo Lanzetti è stato, negli anni ’70, una delle voci più importanti del rock progressivo sia in Italia che all’estero. Successivamente ai concerti in Giappone, Canada, Regno Unito e USA, negli anni ’80, parallelamente all’attività come solista, si è dedicato alla ricerca e sperimentazione voce/elettronica giungendo ad inventare un dispositivo chiamato “Glovox” ovvero un guanto munito di sensori che portato alla gola permette di captare e processare le vibrazioni delle corde vocali. In seguito, l’artista è stato attivo in avventure teatrali come vocalist ed attore lavorando con il Teatro Delle Briciole di Parma ed il Teatro Arsenale di Milano. Ricordiamo anche le sue partecipazioni a produzioni in forma di oratorio delle opere più significative del ‘900 quali “L’Opera da Tre Soldi” di K.Weill e B.Brecht, “Porgy & Bess” di G.Gershwin e “West Side Story” di L.Bernstein.

Performer della voce e della parola, Bernardo Lanzetti, nel 2008 ha registrato una serie di composizioni in cinque lingue, compreso il greco antico, raccolte in un album dal titolo “Eclecticlanz”, un opera molto articolata che unisce musica, testi, sperimentazioni, la propria arte grafico/pittorica, tessuti e moda, rimescolando generi diversi come il classico/sinfonico, il rock-blues e l’avanguardia.