Questo sito contribuisce alla audience di

On demand il concerto degli Hostsonaten

Il 26 maggio 2011 l'anteprima romana del concerto della band di Fabio Zuffanti che propone il concept sulle Quattro Stagioni. Il live inaugura una nuova iniziativa di Wonderous Stories e Paolo Carnelli: i concerti on demand. Se si raggiunge il numero fissato di biglietti acquistati in prevendita il concerto si tiene

ON DEMAND #1 - HOSTSONATEN LIVE
“The Seasoncycle Suite – estratti dalla suite del ciclo delle Stagioni”

Roma
Crossroads Live Club

Giovedì 26 maggio 2011


L’idea della redazione di Wonderous Stories (e del suo editore Paolo Carnelli) è semplice ma geniale: i concerti on demand, aprendo così le porte di un noto locale romano Crossroads a concerti ed eventi live, anche di nicchia, se c’è la capacità della band o dell’artista ospitati di attrarre interesse.

Anche al sottoscritto capita spesso di essere contattato da artisti alla ricerca di spazi in cui potersi esibire nella Capitale. Cosa quasi impossibile perché nessun locale rischia su progetti pur di qualità, che potrebbero rivelarsi un fiasco. Con il live “on demand” di WS e di Carnelli la possibilità di salire sul palco a Roma ora c’è.

Funziona così: in accordo con gli artisti e con il locale che ospiterà la performance viene fissata con molto anticipo una data possibile e concordato un preventivo di spesa. Una volta inquadrati i costi, saranno i biglietti acquistati in prevendita a determinare se l’evento avrà effettivamente luogo o meno: se in prevendita verrà raggiunto un numero di biglietti venduti sufficiente, la data verrà calendarizzata. In caso contrario, l’evento non avrà luogo e i biglietti venduti verranno rimborsati. On line nello spazio Internet dell’iniziativa lo “status bar” indica in tempo reale il successo di ogni live, così come è indicato il termine ultimo entro cui il processo di “caricamento” dell’evento dovrà essere completato per renderlo attivo.

Primo concerto on demand è quello degli Hostsonaten previsto al Crossroads per il 26 maggio 2011 (costo del biglietto 15 euro). E’ uno dei pregevoli progetti di Fabio Zuffanti (Finisterre, Maschera di Cera, LaZona, Aries, Rohmer) che è portato avanti dal 1996, con sei album all’attivo.

La band sarà sul palco con: Fabio Zuffanti (basso, chitarre, bass pedal, tastiere), Mau Di Tollo (batteria, chitarre), Matteo Nahum (chitarre), Luca Scherani (tastiere), Sylvia Trabucco (violino, voce), Luca Tarantino (oboe, corno inglese), Joanne Roan (flauto), Fausto Sidri (percussioni, flauto)

Recentemente, con l’ultimo cd “Summereve” si è conclusa la quadrilogia dedicata alla megasuite sulle stagioni (Seasoncycle Suite). Summereve (AMS) è la parte prima e finale del concept pluriennale E’ questo l’inizio di tutto, la nascita, e qui vengono esposte tutte le melodie principali che poi ritorneranno nelle quattro parti dell’opera.

Questo disco è molto vicino a ‘Springsong’ perché ha momenti solari e positivi e molte parti influenzate dalla musica etnica e folk. Ma non mancano le similitudini con ‘Winterthrough’. Certamente ‘Summereve’ è la parte più progressive e sinfonica di tutta la Seasonscycle Suite. Di fondamentale importanza in questo disco l’apporto di un quartetto d’archi che rende il suono ancora più maestoso e sognante.

Tutto il ciclo delle quattro Stagioni è disponibile su etichetta AMS: Springsong, Summereve, Autmunsymphony e Winterthrough.
Ed a Roma al Crossoroads - se si riuscirà a raggiungere la quota dei cento spettatori che acquisteranno il biglietto in prevendita - sarà possibile proporre l’anteprima nazionale del concept costato a Fabio Zuffanti sei anni di lavoro.

Per poter assistere al concerto (di più, per far sì che il live si tenga) il biglietto andrà acquistato in prevendita entro il 31 marzo 2011.

G. Me.

Per approfondire

L’intervista a Fabio Zuffanti sul capitolo invernale degli Hostsonaten ma anche sugli altri progetti (del 7 luglio 2008).

Fabio Zuffanti il sarto del prog (intervista del 28 novembre 2003 in occasione dell’uscita di Quadraphonic, “Le fabbriche felici”).

Fabio Zuffanti: la mia calda estate di lavoro (intervista del 5 agosto 2003)