Questo sito contribuisce alla audience di

Argomenti correlati

  • Universal Music Collection: gli anni '70 in chiave folk

    "Ethno folk Italia. Gli anni '70" è una raccolta che fa comprendere bene le varie strade della musica popolare: del recupero della cultura orale, del nuovo folk (con composizioni originali che si rifanno alla tradizione), del recupero dell'espressività dialettale. La recensione del cofanetto

  • Prog Collection: nelle “miniere” dei suoni immaginifici. Confanetti 7 e 8

    Continua lo scavo nelle “miniere” dei suoni immaginifici dell’ Universal. Il 28 settembre sono uscite le nuove raccolte n.7 e n.8 di The Universal Music Collection “Progressive Italia Gli anni 70” ognuna con 6 album, preziose rarità spesso mai apparse su compact disc

  • Alla scoperta del Progressive Italia

    Giungono due nuovi box della collana "Progressive Italia" ciascuno con le rimasterizzazioni e ristampe in cd di sei album dei Seventy (dischi molto rari e spesso inediti su cd). Indubbiamente è una delle più interessanti operazioni discografiche dirette a valorizzare il progressive italiano, coniugando qualità e convenienza. In evidenza gli album di Billy Gray (chitarrista dei Trip), Madrugada con i brani di Roberto Vecchioni, Tony Esposito e La Banda del Sole. Già in gestazione i box 5 e 6

  • Universal Music Collection: due box raccontano gli anni Settanta

    Con i cofanetti "Progressive Italia. Gli anni '70" - vol. 1 e vol. 2 - la Universal pesca negli sterminati archivi riproponendo 12 album (6 per cofanetto) di 11 gruppi dell'epoca tra i più rappresentativi. Diversi album per la prima volta in versione cd

  • Universal Music Collection: l'opera omnia de Le Orme

    Arrivano nei negozi, dal 23 ottobre 2009, i cofanetti "The Universal Music Collection" in edizioni limited vendute a prezzo speciale. Il box più corposo e succulento è dedicato a Le Orme; contiene ben 11 album della band veneta (usciti per la Philips, gruppo PolyGram). Il cofanetto ripercorre tutta la carriera post-beat del gruppo veneto che ha davvero fatto la storia del prog italiano