Questo sito contribuisce alla audience di

C'era una volta... Scugnizzi: Lo spettacolo

Il musical napoletano di grande successo.

Napoli, i suoi Scugnizzi… Uno spettacolo con quasi centocinquantamila spettatori in tre mesi di repliche.
Nel 1987 Nanny Loy dirige il film “Scugnizzi”, vincitore di molti premi importanti per le belle musiche curate da Claudio Mattone. Ora le stesse canzoni, in quello che si presenta come il seguito della storia, sono in scena in un musical ironico, sfrontato e tutto italiano. I ragazzi, ospiti nell’istituto di correzione di Nisida del film, sono cresciuti: ora hanno circa trent’anni e hanno seguito strade diverse. In particolare Saverio, interpretato dall’intenso Sal Da Vinci, è un prete-musicista e Raffaele (il bravo Massimiliano Gallo), un camorrista. Da loro si dipana la storia che coinvolge 21 fantastici ragazzi… Gli attori professionisti sono 6, gli altri sono giovanissimi selezionati fra migliaia che si sono presentati ai provini di Napoli. Fra gli interpreti vale la pena citare Gianni Lanni e Stefania Di Francesco. Parte centrale dello spettacolo sono alcune canzoni del vasto patrimonio napoletano: “A’ città è pulcinella”, “Carcere ‘e mare”… (grande successo anche del cd dello spettacolo: 20.000 copie vendute solo al Teatro Augusteo di Napoli). Ideato da Claudio Mattone e scritto con Enrico Vaime, “C’era una volta… Scugnizzi” conta sulla regia e le scene di Bruno Garofalo, sui costumi colorati e fantasiosi di Silvia Polidori, sui movimenti coreografici di Gino Landi. Lascia gli spettatori entusiasti e con una grande speranza nelle generazioni più giovani, anche se tormentate e difficili.

Le categorie della guida