Questo sito contribuisce alla audience di

E sottolineo se... ovvero la resistibile ascesa di Gianluca G

Dal 28 Settembre al 14 Ottobre al Teatro Nuovo di Milano. Di Giovanetti, Pallottini, Guidi. Con Gianluca Guidi Simona Samarelli, Paola Quilli, Dawn Yarbrough, Valentina Bordi,Laura Galigani e con Stefano Bontempi. Orchestra di 12 elementi; direzione musicale M° Riccardo Biseo; arrangiamenti e direzione d’orchestra M° Riccardo Biseo; direzione e orchestrazione coro M°Giovanni Maria Lori; coreografie Stefano Bontempi; costumi Mariella Visalli. Regia di Gianluca Guidi

La resistibile ascesa di Gianluca G è il nipote naturale e fisiologico di altri due spettacoli che Gianluca Guidi ha interpretato nella sua carriera.

Il primo“Chiacchierata Informale” nato da una idea dello stesso Guidi e di Fabrizio Natale vedeva la luce nel 1995 in una piccola libreria romana in Trastevere; lo spettacolo prodotto dalla 3.13.33 di Gigi Proietti, diretto da Ennio Coltorti e con Riccardo Biseo al pianoforte ottenne un piccolo successo di nicchia ma fu molto importante per Guidi che si guadagnò la fiducia di Proietti il quale decise (dopo l’ esito ottenuto da questo piccolo “one man show”) di produrre e dirigere uno spettacolo intitolato “Stanno suonando la nostra canzone” (da lui stesso interpretato anni prima) con Guidi protagonista.

Da questo momento Guidi colleziona successi come “Taxi a due piazze”, “Promesse Promesse”, “Serial killer per signora”, “A piedi nudi nel parco”, “La scuola della maldicenza”, e il recentissimo “The Producers” con l’ amico Enzo Iacchetti .

La presenza di Proietti nella carriera di Guidi lo porta a ritentare la strada inventata dal grande attore che risponde al nome di Teatro di contaminazione.

Questa forma scenica inventata da Proietti con il suo “A me gli occhi, Please!” consente al protagonista-mattatore dello spettacolo di spaziare attraverso i più svariati generi recitativi e musicali lasciando al protagonista l’ occasione di esibirsi da vero “performer”.

Ecco quindi che Guidi ritenta l’ avventura con “…e sottolineo SE!” spettacolo che prende spunto dal felice verso della canzone “E se domani” per una girandola di personaggi ed aneddoti personali.

Al suo fianco il fedele Riccardo Biseo questa volta alla guida di uno straordinario trio Jazz. Lo spettacolo gira per l’Italia ottenendo un successo di pubblico e critica eccezionale: La resistibile ascesa di Gianluca G , come dicevamo all’ inizio, è la voglia di approfondire la materia del “One Man Show” ripercorrendo alcune tappe della carriera e della vita di Guidi inerpicandosi attraverso il ruolo del performer di razza che esplora per dovere le più disparate forme di linguaggio da Shakespeare a Neil Simon passando per Bacharach, Berkoff, Svevo, Sinatra e il musical di Broadway.

Il maestro Riccardo Biseo questa volta dirigerà un orchestra di 14 elementi più un quartetto di donne a loro volta performer in grado di ballare, cantare e recitare.

Parafrasando il titolo brechtiano di Arturo Ui (di cui per altro rimane ben poco se non qualche citazione) Guidi, arrivato a 40 anni, cerca di tirare le somme di una vita spesa in palcoscenico sin da quando era bambino guardando i suoi genitori e dopo da protagonista che cerca di fare il proprio lavoro seriamente senza prendersi troppo sul serio.

In una vita del genere ci sono divertimenti, musica, paura, solitudine, allegria, nevrosi e decisioni da cui dipende il proprio futuro………….importante sì, ma tutto…RESISTIBILE!

Le categorie della guida