Questo sito contribuisce alla audience di

La terza "lezione" di canto.

La respirazione corretta.

Per cominciare a cantare “davvero” è di fondamentale importanza imparare a respirare correttamente, perché è solo così che si avrà un controllo ottimale dell’emissione vocale.
Spesso ci si lascia andare alla respirazione “Apicale” o “Clavicolare” , detta anche Alta respirazione, che oltre ad essere dannosa, è anche limitativa in termini di prestazioni, questo perché l’aria che si riesce ad accumulare con la respirazione “Costo-Diaframmatica” (o respirazione Bassa( è di gran lunga superiore!
Ma perché la Respirazione Bassa viene chiamata Costo-Diaframmatica?
Ebbene, questo tipo di respirazione prende il nome dal Diaframma, che è un muscolo posto sotto i polmoni, e dai muscoli intercostali che si allargano in virtù dell’abbassamento di detto muscolo, in fase d’inspirazione, o, in fase espiratoria, si restringono. Un po’ come l’istinto del nuoto, l’istinto della respirazione Costo-Diaframmatica, è qualcosa che perdiamo con il tempo, e che si manifesta in tutti solo in un momenti di grande rilassatezza, ad es. quando dormiamo. Curioso no?
Tornare indietro, soprattutto se uno porta con se le vecchie e cattive abitudini, e respirare correttamente può risultare difficile, un po’ fastidioso, ma vale la pena tentare e metterci la testa, cioè incominciando a far caso continuamente a come respiriamo, in ogni momento della giornata!
La respirazione corretta non è utile solo ai cantanti, ma anche a molti musicisti che usano strumenti a fiato, a oratori, attori e così via: non sottovalutatela mai, nemmeno quando state semplicemente parlando!
Occhio: quando inspirate mantenete aperte il più possibile le costole inferiori allargate, e durante l’espirazione rilasciate l’aria lentamente, in modo che l’aria venga buttata fuori gradualmente, e questo è il miglior modo per apprendere la coscienza del muscolo diaframmatico col fine di poterlo controllare al meglio.
Per aiutarci è meglio incominciare a fare qualche esercizio di respirazione.
Per cominciare:
state rilassati, inspirando ed espirando alternativamente e molto lentamente, fate roteare il collo, poi le spalle. Poi mettete in leggera trazione il collo abbassandolo in avanti, dietro e di lato.
Quando vi sentirete più rilassati poggiate le spalle al muro (così sarà più facile controllare che non si muovano, perché se siete sulla strada giusta le spalle devono rimanere ferme e rilassate, altrimenti state sbagliando qualcosa!) portate una mano all’altezza dello stomaco, e una all’altezza dell’ombelico, poi cominciate a inspirare contando fino a 4 (gradualmente aumenterete), trattenete il fiato facendo attenzione a lasciare la gola aperta, perché la sensazione di chiusura indica che non siete rilassati e ciò è dannoso, e infine espirate lentamente contando fino al numero di partenza.
Agli inizi, fatelo un paio di volte al giorno per dieci minuti, io lo consiglierei prima di andare a letto, perché rilassa davvero!
Se avete difficoltà a imparare da soli, o a reperire un insegnante di canto, la respirazione potete apprenderla da un buon Logopedista.
Suggerisco a tutti, ma proprio a tutti, un controllo Foniatrico prima di cominciare ad apprendere lezioni di canto da chiunque, e un controllo periodico almeno una volta all’anno.

P.S.: nella prox lezione parleremo della “Dizione”.

Ultimi interventi

Vedi tutti