Questo sito contribuisce alla audience di

SALVERANNO IL MILAN. E' UNO SCHIFO

I potenti del Palazzo non hanno nessuna voglia di fare piazza pulita. Prime indiscrezioni inquietanti. Al Milan una pena lieve. Per consentire ai rossoneri di partecipare alla spartizione della torta della Champions.

Spira un venticello abbastanza puzzolente sul versante Calciopoli.

Forti i sospetti che il Palazzo non abbia nessuna voglia di fare piazza
pulita.

Borrelli aveva consegnato al Procuratore federale Stefano Palazzi (guarda
un po’, i nomi a volta…)una relazione che conteneva responsabilità
gravissime per Juve, Milan, Fiorentina e Lazio.

Ma questo ineffabile signore ha già cominciato a sfrondare qua e là.
A sfilare questa e questa colpa. A giustificare questo e quel comportamento.

Soprattutto la posizione del Milan pare stia molto a cuore a Palazzi.

Per Borrelli esiste una “influenza diretta ed efficace, sugli organi di designazione
arbitrale”. E non solo nella figura di Meani. “Tale evidenza non può
non essere messa in relazione al fatto che Galliani ha ricoperto anche la
carica di presidente della Lega”.

Parole chiare.

Da cui si deduce che per il Milan scatta la responsabilità diretta
in illecito sportivo.

L’illecito sportivo viene punito con la retrocessione all’ultimo posto in
classifica.

Questa è la legge che regola il calcio.

Nossignori.

Leggiamo ora che il signor Palazzi ha ridimensionato le responsabilità
del Milan . Le ragioni ancora non le sappiamo. Ma già la notizia
è di quelle che fanno cadere le braccia.

Speravamo tutti, tutti gli italiani innamorati del calcio, che questo scandalo
fosse l’occasione per fare piazza pulita. E invece non sarà così..

Almeno per il potentissimo Milan.

I suoi dirigenti hanno chiaramente falsificato l’esito del campionato intervenendo
sui direttori di gara in modo inequivocabile.Eppure al Milan sarà
risevata una condanna all’acqua di rose. Una piccola penalizzazione, che
la porterà alle spalle dell’Inter, ma le consentirà di non
perdere l’enorme business della Champions.

Uno schifo.