Questo sito contribuisce alla audience di

Bambini di strada

Sono oltre 150 milioni i bambini abbandonati a se stessi, cifra destinata a salire

Medici senza frontiere, in una delle inchieste in giro per il mondo, attraverso il loro sito dicono:
A Mosca ci sono più di 10.000 bambini di strada e molti di essi - che spesso vivono in estrema povertà - sono fuggiti da condizioni di vita terribili, sfollamenti o abbandoni. Ma finire sulle strade della capitale russa non è molto meglio, infatti il rischio di violenze e di abuso di droghe è alto. La loro salute è spesso incerta: ferite, effetti collaterali dell’uso di droghe, malattie a trasmissione sessuale (MTS) e gravidanze indesiderate. In prevalenza sono maschi ma il numero delle ragazze sta aumentando.

Questo è un esempio di quanto accade in tutto il mondo. La società contemporanea ha tante emergenze, una di queste e sicuramente, tra le più preoccupanti, è quella che riguarda i bambini. Il fenomeno dei bambini di strada si sta diffondendo ovunque e ha aperto un mercato infernale attraverso il quale, persone prive di ogni capacità di coscienza, stanno facendo affari d’oro.

I paesi dell’est sono fra quelli più interessati: Albania, Lituania, Romania, Ungheria, Lettonia, Estonia, Repubblica Ceca, sono paesi in cui l’uso dei bambini per scopi affaristici sta diventando ingestibile. Molti bambini vengono chiusi in orfanotrofi fatiscenti dal quale spesso fuggono. Gran parte di essi cominciano a vivere per strada e diventano facile preda di malintenzionati.

Molti si prostituiscono e sniffano la adela, (colla). La stragrande maggioranza di questi bambini è affetto dall’AIDS.

In Mongolia, un’altra inchiesta realizzata da Soyombo l’associazione culturale per la diffusione della cultura mongolia, dice che: Sono probabilmente dai 3.000 ai 6.000 i bambini di strada di Ulaanbaatar. Fuggono di casa a situazioni drammatiche: miseria, alcoolismo, violenza, vivono di rifiuti, soggiornando nelle condutture sotterranee del teleriscaldamento, per nascondersi alla polizia e per proteggersi dal gelo notturno, che nella capitale mongola può facilmente raggiungere i – 35°.