Questo sito contribuisce alla audience di

Basta con gli occhi a mandorla, siamo Giapponesi...

Sono sempre di più i giapponesi che si sottopongono a interventi chirurgici per modificare la forma degli occhi

E’ incredibile in Giappone ne pensano una più del diavolo pur di distinguersi e superare il futuro. Infatti mentre noi siamo in perenne attesa, loro il futuro lo hanno reso presente in modo da non sentirsi troppo ansiosi e cavalcandolo propongono al mondo nuove tendenze.

Quello che adesso si sta diffondendo in Giappone riguarda la fisionomia del viso. Noi però in questo non possiamo proprio competere nè cercare di somigliare a loro. Al massimo possiamo farci fare gli occhi a mandorla. Mi spiego meglio.

Pare che una delle mode del momento sia proprio di modificare la parte del corpo che li distingue dalle altre razze che non appartengono all’estremo oriente. Gli occhi. Si sta diffondendo, soprattutto tra i giovani l’usanza di modificare gli occhi. Di arrotondarli insomma.

Come è possibile…? Un giapponese senza gli occhi a mandorla non è più un Giappo. Io che adoro la cultura, lo stile, i colori, la fantasia, l’esuberanza, il design del sol levante adesso sono disorientato. Mi sembra di cominciare a perdere i punti di riferimento.

Io ad esempio ho un amico, sempre in giro per il mondo, è pianista. Conosciuto alla scuola d’arte. D’inverno vive in Italia. Mi ricordo che quando si andava in discoteca ai buttafuori urlava: lo fate entrare in disco un giapponese, basso con la testa grossa?. In alcuni posti non lo facevano entrare, non per la testa grossa, ma perchè si ostinava a portare i jeans tutti strappati dove richiedevano un look più accurato. Ogni volta si faceva dietro front optando per l’Onirica storico locale di Parma dove si ballava lo ska e il punk rock. Non c’è più.

Lui però non pensava affatto di modificare il suo essere giapponese, anzi è stato sempre un vanto e spesso ci ricordava quanto fossimo indietro con la tecnologia. Vero è! Gli artisti vengono in Europa perchè è la culla dell’arte. E’ una tappa obbligata fare esperienza qui.

Si ma cosa c’entra l’arte, la tecnologia con la modifica degli occhi a mandorla? Il mio amico Tomino non sarebbe più lui. Un pianista giapponese con gli occhi siciliani. Che sguardo sarebbe? Come la Callas con la voce di Nina Simone. O Stiwie Wonder con la voce di Louis Armstrong. La Naomi con l’altezza di Gegia. Tutti grandi e bravi ma al loro posto e con le loro caratteristiche.

E se decidessero di farsi clonare con gli occhi tondi? Un giapponese con gli occhi tondi e grossi come quelli di Aldo Fabrizi o di Dario Argento ad esempio. Si perchè non li cercano certo affascinanti e penetranti come quelli di Sophia Loren. No li vogliono proprio tondi come gli occhi di Gabibbo o Topo Gigio.

Ecco perchè tutti i cartoon, soprattutto televisivi hanno gli occhi tondi. Me lo sono sempre chiesto infatti. Non capivo come mai i personaggi dei cartoni animati giapponesi avessero gli occhi tondi.

Pare, quindi, che gli interventi di chirurgia estetica aumentino di anno in anno del 20%. E che l’intervento costi 150.000 Yen che corrispondono a 1.000€. Neanche tanto. A questa corsa verso la completa occidentalizzazione partecipano tutti, anche i meno giovani sebbene in minor misura, le attrici, personaggi ricchi e gente comune.

Quindi in Giappone si stanno definendo i nuovi canoni di bellezza. Pare che la trasformazione stia invadendo anche il naso e che stia prendendo la piega all’insù molto vicino al cosidetto naso alla francese. Centinaia di giovani giapponesi ogni anno si recano al Jujin Hospital per rifarsi i connotati.

Un tempo questi interventi erano richiesti solo da gente famosa o ricca - dice il dottor Umezawa presidente della Apan Foundation of aesthetic medicine - adesso sono sempre di più le donne normali, di estrazione sociale media e con un lavoro impiegatizio.

E per chi non può permettersi di spendere i soldi tutti in una volta esiste la formula pagamento a rate.

Link correlati