Questo sito contribuisce alla audience di

Proposta di legge sulla naturopatia in Emilia Romagna

Continuiamo la nostra panoramica sui progetti di legge regionali pubblicando il testo in esame in Regione Emilia-Romagna: "Istituzione della figura professionale di operatore sanitario naturopata (O.S.N)".

legge naturopatia emilia romagna


PDL “Istituzione della figura professionale di operatore sanitario naturopata (O.S.N)”.

Art. 1 - Finalita’
La presente legge ha lo scopo di riconoscere e istituire la figura dell’Operatore Sanitario Naturopata (O.S.N.) al fine di garantire all’operatore una qualifica per le prestazioni o servizi che ne derivano e al cittadino la garanzia di una qualificata professionalita’ dell’operatore stesso.

Art. 2 - Definizione e principi
II Naturopata e’ un operatore non medico del benessere che opera autonomamente o in collaborazione con il medico, nell’ambito dell’educazione, della prevenzione e dell’assistenza al benessere e alla salute. La Naturopatia e’ l’insieme di metodi naturali per garantire e migliorare la qualita’ della vita. L’intervento assistenziale-terapeutico, partendo da una visione olistica della persona (concezione unitaria di corpo e psiche) viene ormai riconosciuto da tutti come coadiuvante del benessere.
Come operatore del benessere si muove in questi ambiti: educativo: il fine e’ quello di educare le persone a conoscere e gestire il proprio equilibrio psicofisico indicando i comportamenti piu’ idonei da seguire preventivo: riconoscendo in stili di vita inadeguati e patogeni la causa sempre piu’ frequente di un peggioramento della qualita’ della vita, insegna ai clienti stili di vita e metodiche per il recupero e il mantenimento di condizioni di benessere assistenziale: aiutare il cliente a riconoscere propri eventuali squilibri psico-fisico-emotivi o predisposizioni ad essi e proporre metodiche dolci per favorire il ripristino dell’equilibrio e del benessere. Puo’ altresi’ farsi carico di interventi di supporto o terapie mediche, previa diagnosi clinica e prescrizione medica scritta, al fine di migliorare la qualita’ della vita del cliente. I consigli dell’O.S.N. si iscrivono quindi nell’ambito di una riconciliazione con le leggi della natura.

Art. 3 - Profilo professionale
1. L’O.S.N. e’ in possesso di un diploma conseguito presso un istituto pubblico o privato (convenzionato) al termine di un percorso formativo triennale di 1200 ore di cui 200 di pratica dopo il superamento di verifiche annuali e di un esame finale con discussione di una tesi e conseguente valutazione di merito.
2. L’O.S.N. promuove il benessere e il mantenimento della salute dell’individuo attraverso:
a) l’osservazione della costituzione del terreno per una valutazione olistica del cliente;
b) l’educazione-informazione sull’alimentazione naturale, sull’igiene, sull’attivita’ fisica e sugli stili di vita;
c) l’educazione all’abitare secondo principi di architettura organica ed ecologica;
d) l’utilizzo di tecniche quali il massaggio, il rilassamento e la respirazione;
e) l’utilizzo di rimedi della fitoterapia tradizionale, di integratori alimentari, di olii essenziali, di floriterapia, di gemmoterapia, e di oligoterapia;
f) lo stimolo delle potenzialita’ di autoguarigione dell’organismo;
g) lo sviluppo nel soggetto di una presa di coscienza delle proprie dinamiche relazionali e conflittuali.

Art. 4 - Competenze e ambiti operativi
1. L’O.S.N. opera autonomamente o in collaborazione con il medico, previa acquisizione di indicazione medica, in quelle attivita’ che non rientrano nell’ambito della professione medica.
2. L’O.S.N. puo’ operare in centri di benessere, palestre, centri fitness, centri estetici, strutture termali e di balneazione, strutture assistenziali pubbliche o private, strutture per l’infanzia e la terza eta’, studi medici, presidi ospedalieri o in ambiti propri.

Art. 5 - Iter formativo
1. Il diploma viene rilasciato da enti di formazione pubblici, regionali, privati convenzionati, o in associazione fra loro, al termine di un iter formativo della durata di almeno 1200 ore di cui circa 200 ore di pratica in strutture che operino nell’ambito della medicina convenzionale e non.
2. Requisiti per l’iscrizione a una scuola di formazione sono l’acquisizione di un diploma di scuola media superiore e la maggiore eta’.
3. Il percorso formativo si articola in un corso base propedeutico che comprende lo studio di:
Anatomia e Fisiologia del corpo umano;
principi di Biologia e Biochimica;
principi di Olismo, Semeiotica e Diagnosi energetica;
Valutazione energetica dei disturbi e del disagio;
Valutazione del linguaggio simbolico-analogico del corpo;
Valutazione Iridologica al fine di individuare le costituzioni individuali;
principi di Nutrizione e Alimentazione naturale;
principi di Nutrizione Energetica Cinese e/o Ayurvedica;
Fitoterapia e Gemmoterapia;
Oligoterapia;
Aromaterapia;
Floriterapia;
rudimenti di Omeoterapia;
Idrofangoterapia;
tecniche di Comunicazione, Rilassamento e Meditazione;
Respirazione;
elementi di Musicoterapica per il benessere e elementi di architettura organica ed ecologica;
Qi Gong.
E’ previsto inoltre l’approfondimento di alcune delle seguenti aree tematiche specifiche come:
Shiatsu;
Massaggio Ayurvedico;
Massaggio Tuina secondo la Medicina Tradizionale Cinese;
Massaggio riflessologico plantare;
Massaggio antistress;
Massaggio psicosomatico;
Linfodrenaggio.
Si profilano in questo modo tre principali indirizzi di lavoro per l’O.S.N.:
a) manuale;
b) fitoterapico, floriterapico, nutrizionale;
c) psicosomatico relazionale.
4. Il corpo docente degli istituti di formazione dovra’ essere formato da specialisti nell’ambito delle specifiche competenze d’insegnamento.

Art. 6 - Funzioni e compiti della Regione
Al fine di garantire la piu’ ampia rappresentativita’ agli operatori e agli istituti di formazione si istituiscono:
A) Comitato di coordinamento regionale presso l’Assessorato alla Sanita’ composto da:
- un rappresentante per ogni Associazione di Operatori Sanitari Naturopati presente nel territorio e operante da almeno tre anni;
- un rappresentante per ogni ente di formazione pubblico (Universita’), regionale, privato accreditato o consorzio di Enti.
Il Comitato sara’ presieduto da un rappresentante dell’Assessorato alla Sanita’ coadiuvato da un rappresentante dell’Assessorato alla Formazione.
Sono compiti del Comitato regionale:
1) eleggere i propri rappresentanti nella Commissione regionale;
2) valutare la validita’ delle discipline esistenti e di quelle emergenti da inserire nell’iter formativo;
3) stabilire i criteri per l’accreditamento delle scuole che vogliono essere riconosciute dalla Regione;
4) stabilire regole deontologiche per la figura professionale dell’O.S.N.;
5) stabilire i criteri per il riconoscimento e l’accreditamento degli O.S.N. che abbiano conseguito il diploma in altre regioni o paesi membri CEE.
B) Commissione regionale per la Naturopatia:
1) la Commissione che si insediera’ entro quattro mesi dall’entrata in vigore della presente legge e’ composta da:
- un rappresentante dell’Assessorato alla Sanita’ con funzione di Presidente;
- un rappresentante dell’Assessorato alla Formazione;
- un rappresentante dell’Ordine dei Medici;
- un rappresentante dell’Associazione dei consumatori;
- un rappresentante dell’Associazione dei diritti del malato;
- sette membri eletti dal Comitato di coordinamento;
- tre consulenti nominati dalla Regione esperti rispettivamente di lavoro, formazione, sanita’.
2) Sono compiti della Commissione:
- valutare e decidere circa le indicazioni e/o proposte emergenti dai lavori del Comitato regionale;
- valutare la struttura organizzativa, finanziaria e l’iter formativo delle scuole che chiedono l’accreditamento;
- attuare un costante monitoraggio sulle associazioni o istituti accreditati alla formazione perchè vengano rispettate le indicazioni specifiche;
- istituire il Registro regionale degli istituti di formazione;
- istituire il Registro, suddiviso in elenchi per specializzazione, degli Operatori Sanitari Naturopati.

Art. 7 - Norme transitorie
Sono inoltre compiti della Commissione:
- valutare e giudicare il curriculum presentato dai professionisti gia’ in possesso di un diploma di Operatore Naturopata conseguito in Italia o riconosciuto da un Paese dell’Unione Europea, prima
dell’entrata in vigore della presente legge;
- istituire eventuali corsi integrativi per l’equiparazione dei titoli conseguiti precedentemente.

Art. 8 - Norme finanziarie
Alla determinazione delle spese previste dalla presente legge si provvedera’ a decorrere dall’esercizio finanziario 2004, con legge di approvazione del bilancio.

=Vuoi ricevere gratuitamente la newsletter di naturopatia del dr. Avoledo?=