Questo sito contribuisce alla audience di

Costituzione e Codice Civile rendono legittima la naturopatia

Ecco gli articoli della Costituzione della Repubblica Italiana e del Codice Civile che garantiscono ai naturopati il pieno diritto di operare professionalmente.

costituzione codice civile e naturopatiaCostituzione

ART. 4 - La Repubblica riconosce a tutti il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere , secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale e spirituale della società.

ART. 35 - La repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni…

ART. 41 - L’iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale, o in modo di recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana…

Codice Civile

Libro Quinto, Del Lavoro, ART. 2060 - Il lavoro è tutelato in tutte le sue forme organizzative ed esecutive, intellettuali, tecniche e manuali.

E’ quindi assunto fondamentale della Costituzione e del Codice Civile la tutela del lavoro in tutte le sue forme. Non è necessario un “riconoscimento” ufficiale perchè un lavoro, anche se non regolato da norme, possa entrare a far parte delle attività lavorative, a patto che esso non crei danno e che contribuisca al concorso delle spese pubbliche.

Ciò è stato ulteriormente chiarito dal T.A.R. Veneto sez. I, 15 febbraio 1993, n. 213: in base a una lettura coordinata degli art. 33 e 41 comma 1 Cost. e 2229 c.c. l’esercizio di professioni per cui la legge non abbia istituito un apposito albo (e dunque un esame di abilitazione), è, in linea di principio libero, dovendo l’esame di Stato ritenersi necessario solo per l’accesso a quelle professioni le quali, per essere già stato istituito un apposito albo professionale, sono da considerare “protette”.

A questo proposito, il CNEL (Consiglio Nazionale dell’Economia e Lavoro) si è espresso così: affinché si identifichi una professione, non è necessario che questa abbia un riconoscimento pubblico, ma quei requisiti che ormai rappresentano il quadro di riferimento internazionale: un sapere dai confini definiti, un sistema di formazione e di controllo della qualità, un corpus di norme etiche, funzioni orientate al cliente.

E’ solo quando la Naturopatia si suppone abbia i connotati tipici di altre professioni che si corre il rischio di contravvenire all’articolo 348 del Codice Penale (“Esercizio abusivo della professioni protette”, per le quali è richiesta la speciale abilitazione dello stato), meglio specificato, per quello che riguarda la professione medica, dalla Cassazione Penale, sez.II, 5385/95: “In relazione alla professione medica, che si estrinseca nell’individuare e diagnosticare le malattie, nel prescriverne la cura, somministrare i rimedi anche se diversi da quelli ordinariamente praticati, commette il reato d’esercizio abusivo della professione chiunque esprima giudizi diagnostici e consigli e appresti le cure al malato“.

Su tale articolo si è espressa anche la Corte di Cassazione Penale sez. VI, 22 aprile 1997, n. 5672: “l’art. 348 c.p. che prevede il reato di abusivo esercizio di una professione, è una norma penale in bianco, che presuppone l’esistenza di norme giuridiche diverse, qualificanti una determinata attività professionale, le quali prescrivono una speciale abilitazione dello Stato ed impongono l’iscrizione in uno specifico albo, in tal modo configurando le cosiddette professioni protette. Pertanto l’eventuale lacuna normativa non può essere colmata dal giudice con norme generali ed astratte“.

Chi pratica la naturopatia non può quindi esprimere o attuare giudizi diagnostici o terapeutici, ma deve rimanere nell’ambito proprio della sua professione, che, di per sé, non costituisce esercizio abusivo della professione medica.

In conclusione, la professione di naturopata è pienamente consentita e addirittura tutelata dalla Stato, fatta salva l’astensione da atti riservati dalla legge in via esclusiva ad altre figure.

=Vuoi ricevere gratuitamente la newsletter di naturopatia del dr. Avoledo?=