Questo sito contribuisce alla audience di

Sentenza sulla naturopatia e l’iridologia

Questa sentenza chiarisce ancora una volta che, purché non si invadano le competenze dei medici, le pratiche della cosiddetta medicina alternativa (addirittura qui si parla di “medicina”!) sono libere.

Sentenza sulla naturopatia e l’iridologiaSentenza della Corte di Cassazione Penale sez. VI n° 166626 del 4.5.05.

Si tratta di una sentenza contro un soggetto che esercitava l’attività di iridologo e di naturopata, inducendo in errore il paziente sul titolo posseduto e prescrivendo farmaci di libera vendita.

La Cassazione ha chiarito che in generale “non è in questione la possibilità di esercitare le pratiche della c.d. medicina alternativa“, soggiungendo che “il chiropratico, il naturopata e l’iridologo sono liberi di svolgere la loro attività ma qualificandosi come tali, in modo … da non ingenerare nel pubblico l’opinione che essi siano dei medici e, soprattutto …senza esercitare, assolutamente, competenze che spettano soltanto a chi è laureato in medicina e chirurgia”.

La sentenza aggiunge - anche questo di estremo interesse per chi opera nei nostri campi - che “per quanto riguarda la prescrittibilità dei farmaci, la Cassazione ha sancito che il rilascio di ricette e la prescrizione di farmaci non perdono il loro carattere tipico e riservato agli esercenti la professione medica per il solo fatto che il medicinale prescritto rientri tra quelli liberamente venduti in farmacia, giacché la prescrizione di un medicinale da parte di un terzo che si presenta dotato di particolari competenze mediche è destinata comunque ad influire sulle modalità di assunzione del farmaco, sulla durata di tale assunzione, sulla interpretazione da parte del fruitore di eventuali reazioni (anche negative) al farmaco stesso e in definitiva sulla percezione della natura e dei risultati della cura realizzata attraverso il medicinale.

L’imputato è stato condannato, ma… per aver prescritto farmaci, non perché fosse un naturopata, attività che invece è stata considerata, ancora una volta, completamente lecita.

=Vuoi ricevere gratuitamente la newsletter di naturopatia del dr. Avoledo?=