Questo sito contribuisce alla audience di

Errori in ospedale: nel 2007 colpiti 320mila pazienti

Ogni anno troppi errori in corsia mettono a rischio la vita dei pazienti. Coinvolte 320.000 persone.

Tratto da City di giovedì 10 aprile 2008.

Errori di trascrizione, una frase scritta male, calligrafia illeggibile possono portare a conseguenze gravissime. Lo denuncia l’Anmco, l’Associazione nazionale medici cardiologi ospedalieri, che ricorda che in cardiologia gli errori più comuni sono proprio quelli di prescrizione (49%), seguiti dagli errori di somministrazione (26%), da quelli di distribuzione (14%) e infine dagli errori di trascrizione (11%).

Recenti dati Aiom (Associazione Italiana Oncologia Medica) parlano, solo nel 2007, di 320.000 pazienti che intentano causa contro gli ospedali.

Secondo l’Associazione Anestesisti Rianimatori Ospedalieri, inoltre, i decessi nel 2007 sono stati 14.000.

A guidare la classifica delle specialità in cui si commettono più errori è l’ortopedia (17,9%), seguono l’oncologia (12,1%), la chirurgia (9,5%), ginecologia (6,9%), odontoiatria (5,5%), oculistica (5,4%), neurologia (4,0%), e pronto soccorso (3,6%). Gli errori avvengono più spesso durante un intervento chirurgico (66%) e in fase di diagnosi (28%).

Ma non erano i naturopati, secondo qualcuno, quelli da cui ci si doveva guardare? No, i naturopati danni ne fanno ben pochi.

=Vuoi ricevere gratuitamente la newsletter di naturopatia del dr. Avoledo?=