Questo sito contribuisce alla audience di

I fiori di Bach

Presentiamo una guida rapida ai 38 fiori di Bach, da consultare ogniqualvolta ci si trovi in dubbio su quali essenze floreali scegliere.

fiori di bach

Una volta conosciuti i nomi e le proprietà di tutti i 38 fiori di Bach (che diventano 39 se si considera anche il Rescue Remedy, il mix di essenze floreali per il pronto soccorso emotivo), capita spesso che, nella scelta dei rimedi da utilizzare, si faccia un po’ di fatica a capire quali privilegiare e ci si ritrovi costretti a scartabellare e a saltare in continuazione da una pagina all’altra (fossero anche quelle della Guida di Naturopatia…) per richiamarne alla mente i tratti salienti.

Per ovviare a questo inconveniente, presentiamo un sintetico prontuario di tutti i 38 + 1 fiori di Bach con le loro principali indicazioni d’uso, una vera e propria guida rapida alla floriterapia di Bach, precisando che lo stessa non vuole e non può avere scopi di completezza, ma intende semplicemente rappresentare un pratico strumento di consultazione da tenere a portata di… mouse. Se invece desiderate conoscere meglio le caratteristiche dei singoli fiori di Bach, cliccate sui link evidenziati.

Agrimony: ansia nascosta, angoscia mascherata da allegria
Aspen: paure di origine sconosciuta, inquietudine, incubi
Beech: intolleranza verso gli sbagli degli altri
Centaury: incapacità di dire di no, debolezza di carattere
Cerato: sfiducia nelle proprie intuizioni, ricerca di continui consigli
Cherry Plum: paura di perdere il controllo
Chestnut Bud: incapacità di imparare dagli errori
Chicory: possessività, sensi di colpa provocati per i propri fini in parenti e amici
Clematis: distrazione, fuga dalla realtà
Crab Apple: rifiuto del proprio corpo, considerato impuro
Elm: momentanei dubbi sulle proprie capacità di fronte a troppe responsabilità
Gentian: pessimismo, facile scoraggiamento
Gorse: perdita della speranza, rassegnazione
Heather: egocentrismo, incapacità di prestare attenzione agli altri
Holly: odio, gelosia, invidia (che spesso prendono la forma della rabbia)
Honeysuckle: nostalgia e rimpianto del passato
Hornbeam: stanchezza psicologica
Impatiens: impazienza, impulsività, irritabililità
Larch: mancanza di autostima
Mimulus: paura di cose conosciute, definite
Mustard: depressione ricorrente senza causa nota
Oak: esasperazione del senso del dovere
Olive: esaurimento fisico e mentale
Pine: senso di colpa
Red Chestnut: eccessiva preoccupazione per le persone care
Rock Rose: panico, terrore
Rock Water: esagerata autodisciplina
Scleranthus: indecisione tra due possibili soluzioni
Star of Bethelhem: esperienze traumatizzanti
Sweet Chestnut: disperazione assoluta
Vervain: entusiasmo eccessivo
Vine: prepotenza
Walnut: necessità di protezione durante un cambiamento, influenzabilità
Water Violet: solitaria altezzosità
White Chestnut: continui dialoghi mentali, pensieri insistenti
Wild Oat: incertezza su quale sia la propria vocazione nella vita
Wild Rose: apatia, mancanza di entusiasmo
Willow: autocommiserazione, immotivato senso di ingiustizia

Il trentanovesimo rimedio di Bach, il Rescue Remedy (chiamato anche Recovery Remedy o Five Flowers Remedy), è la miscela di fiori di Bach indicata in ogni situazione d’emergenza (forti emozioni, improvvisi stress psicofisici, traumi, attacchi di panico, brutte notizie, in previsioni di eventi che ci spaventino ecc). Il Rescue Remedy è composto da Cherry Plum, Clematis, Impatiens, Rock Rose e Star of Bethelhem.

Esiste anche una versione in crema del Rescue Remedy, la Rescue Cream, in cui, alla miscela descritta, è aggiunto Crab Apple. La Rescue Cream può essere applicata sulle aree del corpo interessate da contusioni, piccole ferite, punture di insetti, arrossamenti e simili.

Per aiutarvi a imparare ad assumere e anche a preparare i fiori di Bach, abbiamo appositamente realizzato la serie di video Come utilizzare i fiori di Bach.

=Vuoi ricevere gratuitamente la newsletter di naturopatia del dr. Avoledo?=