Questo sito contribuisce alla audience di

SPECIALE USATO

I controlli da effettuare a bordo

Controlliamo la struttura
Entrando nell’imbarcazione , a vela o a motore , noterete subito se il proprietario ha mantenuto l’imbarcazione durante il periodo di uso oppure la stessa è stata abbandonata e privata di una minima attenzione.
Questa prima constatazione è importante , come il controllo della sentina , se la barca è ancora in mare.
Infatti da questo desumeremo se è necessario un controllo approfondito o meno.
Potete quindi passare a controllare lo stato del compensato utilizzato per la costruzione degli interni , se marino o no (ci sono casi nei quali è stato utilizzato del compensato non marino e cioè che non ha un incollaggio fenolico , che lo fa resistere all’umidità). L’importante che il compensato che è a contatto con la sentina o le parti che ricevono umidità interna siano in compensato marino (dicono alcuni) ;io credo che tutto l’arredamento interno dovrebbe essere in compensato marino e massello.
Per riconoscere , il compensato marino , potete notare se dove è umido si è sfogliato ,che vuol dire non marino.
Se il compensato è impregnato di acqua nella zona di collegamento allo scafo bisogna controllare se esiste ancora un assemblaggio meccanicamente valido.
Questo fatto ci fa passare ad una constazione ancora più importante .
La barca ha come struttura un controstampo interno o le paratie sono saldate direttamente allo scafo e quindi la struttura è creata da paratie e longheroni senza controstampo.
Per controstampo si intende tutto ciò che rifinisce l’interno in vetroresina e cioè rifinisce i gavoni interni , forma e riveste i bagni ,quindi dà un aspetto migliore dell’imbarcazione ad un primo controllo visivo.
Il controstampo può essere di tipo totale ,cioè lo scafo internamente è rivestito da prua a poppa di un controstampo che solitamente arriva lateralmente all’altezza degli schienali dei divani , sotto i mobili pensili ect.
In questo caso il controstampo è assemblato allo scafo con stucco di vetroresina e fasciette di vetroresina , che da speciali finestre ricavate nel contrstampo, assemblano lo stesso allo scafo.
Particolare cura viene alla la barca a vela che inoltre avrebbe la zona delle lande principali laterali (zona di aggancio sartiame) rinforzata in maniera tale da distribuire lo sforzo in chiglia.
Le paratie principali e secondarie sono assemblate allo scafo mediante imcollaggio poliuretanico.
La struttura della barca, cioè i correnti longitudinali ed i madieri nascono sempre nello stampo ed abbiamo così il controstampo strutturale.
Controstampo tipo parziale, cioè vengono utilizzati controstampi parziali per i bagni e per rifinre i fianchi sotto i pensili, per rifinire il soffitto da prua a poppa.
In questo caso le paratie principali sono assemblate direttamente allo scafo con fazzoletti di vetroresina.
La struttura longitudinale e trasversale è data da correnti longitudinali e madieri trasversali formati da longheroni , strutturati secondo le richeste dell’ente di sorveglianza , che sono formati da anima di poliuretano (per dare la forma) e strati di vetroresina.

La differenza tra i due tipi di imbarcazioni è palese, sopratutto per le barche a vela. Sicuramente le paratie saldate allo scafo danno una struttura sicura nel tempo ed una visibilità maggiore dello scafo in caso di urti , di controllo della struttura e di entrate d’acqua che andranno direttamente in sentina , non rimanendo nel controstampo.
Il controstampo totale pur avendo raggiunto sempre maggiore affidabilità nel tempo per l’aggancio chimico dei due strati (scafo-controstampo ) può dare addito ad un peggiore controllo di entrate d’acqua , ritenzione della stessa e nel tempo distacco.
L’età dell’imbarcazione è importante facendo il controllo interno.
Le zone più soggette all’impatto con il mare devono essere integre e le paratie della zona non devono essere venate o distaccate dallo scafo o dal controstampo.
Normalmente le zone sono:
-barche a vela zona prua della zavorra
-barca a motore : zona da individuare secondo carena.
Questo primo esame ci permetterà di scegliere la nostra barca usata , a vela o motore più integra strutturalmente.
Prossimamente indicherò i punti dell’attrezzatura da controllare.

Link correlati