Questo sito contribuisce alla audience di

Vademecum per navigare nel Golfo

LA SPEZIA — Vi ricordate due anni fa, quando l'estate fu infuocata dalla polemica sul Golfo dei divieti e sulle maxi multe che si abbattevano sui diportisti per effetto della depenalizzazione dei reati?

La mobilitazione dei diportisti valse ad ottenere due risultati: un progressivamento allentamento della morsa dei divieti (dalla liberalizzazione dell’accesso alla diga foranea fino all’attenuazione dei vincoli alla pesca sportiva) e l’archiviazione dei procedimenti sanzionatori amministrativi là dove c’era la prova che il diportista era caduto in questo o quel divieto inconsapevolmente. Un altro ’seme’ lanciato in quell’epoca tormentata è oggi venuto a frutto. Si tratta della realizzazione di un vademcum per navigare in sicurezza, e all’insegna del piacere, nel Golfo dei poeti e davanti alle coste delle Cinque Terre. Una sorta di ‘bussola’ per orientarsi fra opportunità e divieti, con una traduzione immediata, attraverso cartine corredate da simboli e didascalie, delle ordinanze della Capitaneria di porto che regolamentano la navigazione nel mare spezzino, la disciplina degli approdi nelle zone militari e l’esercizio della pesca sportiva nella rada interna.

L’iniziativa dell’opuscolo è della Capitaneria di porto, dell’Assonautica e del Propeller Club, col sostegno di sponsor che hanno garantito il pagamento dei costi tipografici. Sono 8mila le copie stampate e che, attraverso l’Assonautica, saranno distribuite gratuitamente ai diportisti spezzini e a coloro che, da fuori, raggiungeranno il nostro golfo. Copia del vademecum sarà consegnata anche a tutti coloro che avranno a che fare con la Capitaneria di porto (patenti nautiche, immatricolazioni delle imbarcazioni, eccetera).

Oltre all’ampio capitolo sulle norme ‘locali’ con corredo di indirizzi e telefoni utili la publicazione indica le regole generali che disciplinano il diportismo nautico in Italia. Anche in questo caso, per facilitare la percezione, vengono proposte diverse tabelle. Esiste poi un prontuario delle principali violazioni e delle relative sanzioni. Il vademecum si apre con gli interventi del comandante della Capitaneria di porto Antonio Pasetti, dal presidente dell’Assonautica Piergino Scardigli e del presidente del Propeller Club Davide Santini. Un filo conduttore sottende le loro riflessioni: andar per mare è evasione, piacere e libertà ,ma contemporaneamente esperienza, sapere, equilibrio e responsabilità. Qualità che i diportisti potranno matutare anche grazie al vademecum.
Corrado Ricci (La Nazione)