Questo sito contribuisce alla audience di

introduzione alla malattia di Alzheimer

La malattia di Alzheimer da Alois Alzheimer ad oggi. Più di un secolo dalla scoperta, ma tanti dubbi ancora!

Alois Alzheimer
L’Alzheimer è una patologia progressiva e logorante sia per chi ne è affetto che per i caregiver che si prendono cura dei malati visto che la malattia dura dagli 8 ai 15 anni. La patologia fu scoperta da un neuropatologo, Alois Alzheimer, che nel 1906 presentò il caso di una donna di 51 anni affetta da una strana forma di demenza .

La scopertà suscitò notevoli perplessità visto che, fino ad allora, si riteneva che la demenza fosse causata da un ridotto afflusso di sangue al cervello e/o da ischemie diffuse ovvero quella che al giorno d’oggi chiamiamo demenza vascolare e il volgo chiama arteriosclerosi!

L’Alzheimer è, però, qualcosa di diverso; ha un inizio subdolo e un decorso progressivo e continuo ovvero inizia con qualche dimenticanza ed ha un’andamento progressivo finendo per coinvolgere più di una funzione cognitiva con difficoltà marcate nella comunicazione, difficoltà nel riconoscere i propri familiari ed una logorante dipendenza dal caregiver. Differentemente da una demenza vascolare, l’Alzheimer non è connesso ad una cerebrovasculopatia, ad ischemie o a un ridotto afflusso di sangue al cervello, anche se queste condizioni possono sussistere con una malattia di Alzheimer e aggravarla.

Il cervello del soggetto con Alzheimer tende all’atrofia e presenta caratteristici ammassi neurofibrillari e le placche beta-amiloidi patognomiche per la diagnosi autoptica di malattia di Alzheimer. Purtroppo ancora si sa poco su cosa origini gli ammassi neurofibrillari e le placche beta-amiloidi e non esiste nessun trattamento farmacologico realmente efficace ed in grado di bloccare il fenomeno degenerativo.
Anche la diagnosi non è semplice, anzi una diagnosi certa può avvenire solo post mortem con l’esame autoptico. La valutazione neuropsicologica e comportamentale dei pazienti riveste perciò molta importanza per una diagnosi differenziale fra pseudodemenza depressiva e demenza e fra i vari tipi di demenze ovvero demenza di Levy, Alzheimer, Frontotemporale e Vascolare.

Ultimi interventi

Vedi tutti