Questo sito contribuisce alla audience di

ET? L'ho scoperto io da casa mia....

Pochi giorni fa l'annuncio di un segnale radio di possibile origine extraterrestre, individuato dai "volontari" del progetto SETI@home

Pochi giorni fa la rivista New Scientist ha dato la notizia che un segnale, di possibile origine extraterrestre, inviato quindi da una civiltà aliena per farsi conoscere, aveva raggiunto la Terra.

Tale scoperta, come riportava New Scientist, era stata fatta dai “volontari” del SETI@Home project (SETI= Search for ExtraTerrestrial Intelligence).

Il Chief Scientist del progetto, Dan Werthimer, dell’Università della California Berkeley, ha però ridimensionato la notizia dicendo che il segnale captato ha, in effetti, un punteggio alto nella scala delle credibilità messa a punto dallo stesso SETI ma, a causa di varie caratteristiche, tra le quali la sua subitanea discesa di picco, si ritiene poco probile che possa derivare da una civiltà aliena.

Ma che cos’è il SETI@Home project e chi sono i volontari?

E’ un progetto molto affascinante ed interessante a cui possiamo partecipare tutti noi che possediamo un pc connesso ad Internet.

Scopo del progetto è utilizzare i tempi morti del nostro pc facendogli elaborare i dati provenienti dal mega radiotelescopio di Arecibo (Porto Rico) per cercare, appunto, segnali di provenienza aliena e scoprire, quindi, se è vero che non siamo soli nello spazio.

Come si partecipa al progetto?

E’ molto semplice. Basta collegari al sito, registrarsi, scaricare il software che funziona come screensaver e lanciarlo nei momenti in cui non utilizziamo il pc.

Le elaborazioni da noi effettuate sui segnali che ci verranno assegnati di volta in volta, verrano poi spedite automaticamente, quando noi siamo connessi ad internet, al sito del progetto che quindi saprà i risultati di tutte le elaborazioni e potrà pubblicare le eventuali scoperte “clamorose”.

Bello no?

Possiamo tutti sentirci dei grandi “astrofisici” con un semplice screensaver ed aiutare, sul serio, la ricerca scientifica.

Invito tutti a provare tale software.

Le categorie della guida