Questo sito contribuisce alla audience di

Milli Vanilli

Fabrice Morvan (Ex ginnasta dalla bella presenza, e poi?) Robert Pilatus (Ex breakdancer. Anche lui, a parte la bella presenza?)

Secondo molti critici musicali, i Milli Vanilli, prodotti dal famoso produttore tedesco Frank Farian rappresentano un po’ l’emblema dell’intero decennio 80-90, non certo per i pur notevoli meriti artistici, quanto per la storiaccia di cui si resero protagonisti, vero segno di quei tempi (in fondo non tanto diversi dagli attuali) in cui contava più l’apparenza che la sostanza.

Probabilmente non fu un caso che, proprio all’inizio del nuovo decennio (siamo nel 1990) la verità venne a galla: a seguito di un black-out durante una loro esibizione live, si scoprì che Fabrice Morvan e Rob Pilatus non interpretavano i loro pezzi dal vivo, ma solo in play-back.

Il fatto di per sé non era così clamoroso (basti pensare che persino Madonna era solita usare parti in play-back nelle sue esibizioni), e per di più era spiegabile con la difficoltà di coordinare il canto con le coreografie.

Divenne clamoroso quando emerse che anche di tutto il primo album, che aveva venduto più di 10 milioni di copie nel 1989, Girl, You Know It’s True, e di cui vale la pena ricordare oltre al brano omonimo anche Baby, Don’t Forget My Number, Rob e Fab non avevano cantato neanche una nota ma prestavano la loro immagine alla voce di altri!

Il Grammy Award che avevano vinto nel 1989 come gruppo rivelazione del panorama rap-pop fu loro ritirato, e la carriera di Fabrice e Robert fu spezzata sul nascere.

Poco dopo, nel 1991, uscì un album intitolato Moment Of Truth cioè Il momento della verità, ad opera di Brad Howell e Johnny Davis, The Real Milli Vanilli - le vere voci dei Milli Vanilli - che però non ebbe molto seguito perché i due non erano molto fotogenici.

Rob e Fab ci riprovarono in seguito con un album omonimo nel 1992, ma senza fortuna.

Fabrice prosegue oggi una sua carriera da solista, mentre Rob, che non si riprese mai dall’accaduto, è stato trovato morto in una stanza d’albergo a Francoforte il 3 aprile 1998, per un attacco cardiaco, presumibilmente dovuto ad un cocktail di droga e alcol.

Le categorie della guida