Questo sito contribuisce alla audience di

500 euro, possono bastare?

I giovani, gli studenti e i precari vivono da anni una condizione di precarietà che è paradigma stesso di tutti gli ambiti della vita, delle relazioni, del lavoro, dello studio. L’assenza di[...]

500 euro, possono bastare? I giovani, gli studenti e i precari vivono da anni una condizione di precarietà che è paradigma stesso di tutti gli ambiti della vita, delle relazioni, del lavoro, dello studio. L’assenza di welfare, di reddito, di servizi qualificati per i giovani in questo paese se pure continua ad essere una questione inevasa da parte della politica istituzionale è al tempo stesso tema ineludibile: esploso nelle piazze e nelle università, nei mille luoghi del nuovo sfruttamento del lavoro precario o gratuito, il conflitto contro la precarietà e per il reddito ha aperto dentro la crisi, con il movimento dell’Onda in particolare una fase nuova: una fase che parte dalla consapevolezza diffusa della necessatà di nuovi ammortizzatori sociali, di un nuovo welfare,di un reddito per tutti.Uniriot.org prende posizione sulle dichiarazioni del ministro Brunetta (nonchè candidato Sindaco di Venezia ovviamente per il PDL) su “bamboccioni e 500 euro.

Il noto ministro ( incapace di rifarsi il letto, e di molto altro ancora) ha evidentemente molto poco a cuore la sorte dei giovani precari, dei non garantiti edei giovani più in generale, eppure sa che non può non discuterne, e gioca così la sua carta. Tanto, con la crisi, chi oserà prendere sul serio le sue provocazioni?

Per leggere l’articolo completo cliccate qui

Le categorie della guida