Questo sito contribuisce alla audience di

S.r.l. senza finalità di lucro

Problematiche inerenti alle associazioni sportive dilettantistiche

Le vostre domande

Sono il titolare di una palestra (ditta individuale)nata da appena un anno. Nonostante le tante iscrizioni, oltre 1330, per una superfice di 1000 mq, non riesco a tenere la concorrenza con le miriadi di “false associazioni sportive non a fine di lucro” che esistono in zona. Queste riescono facilmente a mantenere il prezzo degli abbonamenti dimezzato ripetto al mio, proprio grazie alla quasi zero pressione fiscale che la natura della loro associazione le permette. Questa caratteristica delle palestre sotto forma di associazioni sportive non a fine di lucro è comunissima soprattutto in Sicilia dove “rompono” la piazza e direi che sono proprio illegali sotto ogni punto di vista (non sono democratiche, i bilanci vengono accomodati ecc.). La mia non vuole essere una denuncia ma solo una richiesta di aiuto. La mia bella palestra per sopravvivere a dare lavoro a 13 dipendenti se ne deve inventare di tante e di belle…ma fino a quando riusciro!!! Scusatemi lo sfogo vado alla domanda! Vorrei convertire la ragione sociale della, palestra, da ditta individuale a S.r.l. sportiva non a fine di lucro, integrando dentro propio tutti i dipendenti. Secondo le mie informazioni, i pricipale vantaggi sono che tutte le scuola (karate, ballo, ginn. artistica, hip hop,) possono godere dell’esenzione dell’IVA e che i soci-lavoratori possono godere di una scarico degli oneri previdenziali non indifferente. Già questi due vantaggi rapportati al numero di dipendenti che diventeranno soci e lo scarico dell’IVA per le scuole possono portare ad un risparmio fiscale consistente.Potrebbe confermarmi questi due vantaggi e inviarmi un sunto sui vantaggi -svantaggi della possibile conversiona da ditta a S.r.l. sportiva non a fine di lucroo dei testi o dei siti proprio su questo argomento. Graze mille..a presto

La situazione è complessa perché non è detto che la S.r.l. senza finalità di lucro funzioni: occorre infatti che la società gestisca un’attività sportiva dilettantistica, cosa che non sempre è possibile nella gestione delle palestre. Inoltre si tenga presente che attualmente l’impresa è “individuale” e quindi dovrebbe essere conferita nella società a responsabilità limitata con conseguente (possibile) realizzo di plusvalenze.
Per le problematiche legate alle attività sportive suggerisco di consultare uno dei migliori siti on-line (a mio parere) sul tema: www.fiscosport.net

Considerata la delicatezza dell’argomento, le fornirò una successiva risposta in un messaggio privato.

Saluti

Link correlati