Questo sito contribuisce alla audience di

La guida risponde

0 Vota

Associazioni con uguale denominazione

Domanda

Gent.mi Il mio quesito è il seguente: secondo la legge italiana e le norme del codice civile è possibile che esistano due associazioni sportive dilettantistiche aventi la stessa radice nella denominazione (es.: a.s.d. matrix e a.s.d matrix-circolo, in pratica stessa denominazione), operanti entrambe nello stesso ambito (quello sportivo), nello stesso comune ed aventi entrambe stessa sede legale e stesso numero civico ma fondate l’una negli anni ’80 e l’altra nella seconda metà del primo decennio del 2000? Grazie per l’attenzione.

Risposta

Per prima cosa mi permetto di precisare che il codice civile è una legge italiana (esattamente: Regio Decreto 16/03/1942 n. 262).
Per quanto riguarda il quesito posso rispondere che, così possono esserci due imprese con nome identico, allo stesso modo possono esserci due associazioni con nome identico.
Faccio questo parallelo perché le imprese, per esempio, hanno un sistema pubblicistico più efficiente di quello degli enti non profit: presso le camere di commercio è possibile sapere se ci sono imprese con nome identico operanti nel territorio italiano. Attraverso il repertorio economico amministrativo (R.E.A.) o il registro delle imprese è possibile verificare se vi sono imprese con denominazione uguale.
Non esiste invece un sistema analogo per gli enti non profit per cui le possibilità di omonimia aumentano.
Detto ciò è possibile perciò che un’associazione sia nata nel secolo scorso e l’altra poco tempo fa.
Per sapere se si tratta di due soggetti diversi occorrerebbe, per prima cosa, verificare il loro codice fiscale. Se è diverso è abbastanza probabile che si tratti di due soggetti distinti: il primo magari è stato abbandonato a se stesso, magari per alcune vicissitudini patrimoniali. Il secondo, più recente, potrebbe essere l’associazione attualmente operativa.
Per “liberarsi” del vecchio organismo occorrerebbe rintracciare il vecchio statuto e i vecchi soci e chiedere loro di sciogliere la vecchia associazione.
Mancando questi elementi si potrebbe chiedere al tribunale lo scioglimento dell’associazione “da rottamare” per mancato funzionamento degli organi assembleari.

blazer - 11 anni e 7 mesi fa
Registrati per commentare