Questo sito contribuisce alla audience di

Geriatria e oligoterapia

Uno dei campi più interessanti in cui l'oligoterapia è attiva è la geriatria. Manganese, Cobalto, Rame, Oro e Argento gli oligoelementi utilizzati

All’altra estremità della vita, la cosidetta terza età, trovano eccellenti indicazioni i metalli catalizzatori.
L’invecchiamento è caratterizzato da un rallentamento generale del metabolismo provocato da una inibizione globale e progressiva dei catalizzatori.
Nell’età avanzata gli enzimi perdono la loro efficacia e la loro rapidità d’azione.
A partire dai 65 anni l’oligoterapia suggerisce indiscríminatamente a tutti il manganese-cobalto ed il rame-oro-argento.
Per coloro che sono in buone condizioni generali sono sufficienti due misurini perlinguali dell’uno o dell’altro alla settimana.
Il principio da seguire in geriatria è di preservare l’armonia delle funzioni. Il declino può essere rallentato.
Dannoso è secondo l’oligoterapia utilizzare cure che stimolino elettivamente certe funzioni perché l’ideale è influenzare contemporaneamente la maggior parte delle funzioni.
Il vantaggio degli oligo-elementi è nella regolarità della loro azione, nell’assenza di tossicità e nella loro specificità.
E’ necessario che vengano prescritti in modo continuo come acceleratori dei processi enzimatici.
Si attende da essi piuttosto un’azione stimolante che sostitutrice.
Non dimentichiamo, infatti, che i metalli catalizzatori rappresentano degli acceleratori del metabolismo, nel senso che essi normalizzano quelli che sono patologicamente rallentati.
In commercio esistono diversi prodotti specifici oligoterapici per la geriatria come i cosidetti Oligartro, molto utili in tutte le forme di difficoltà articolare, dolori reumatici ed artrite.