Questo sito contribuisce alla audience di

La Dermatite Atopica.

La Dermatite Atopica è una dermatosi estremamente pruriginosa che colpisce prevalentemente i neonati, i bambini e gli adolescenti, più raramente invece gli adulti. La cura omeopatica se ben condotta può portare sicuramente ad un miglioramento della sintomatologia ma anche alla guarigione nel 70% dei casi.

Questo tipo di Dermatite è un’infiammazione cronica della pelle, molto pruriginosa, che si manifesta a volte già dai primi mesi di vita con eritema, lesioni papulo-squamose al viso, cuoio capelluto, nelle pieghe flessorie degli arti, nella zona retroauricolare, sul sederino. Spesso si ha un miglioramento verso i 3-4 anni ma si possono avere recrudescnze nell’adolescenza e nell’età adulta.
La causa è ancora sconosciuta, si pensa comunque ad un’eziologia multifattoriale: ereditarietà, fattori ambientali, fisiologici, infettivi, alimentari ma soprattutto immunologici hanno un ruolo fondamentale. In tutti i casi la Dermatite Atopica peggiora nei mesi invernali e migliora in estate con l’esposizione al sole.
Non esiste una terapia allopatica definitiva e quindi il trattamento si basa solo sulla soppressione dei sintomi:
pomate a base di cortisone, antistaminici per via orale per lenire il prurito, antibiotici in caso di superinfezioni batteriche, e nei casi più ostinati cortisone per via orale.
La terapia allopatica ha quindi solo il compito di bloccare i sintomi cutanei ma, oltre ai possibili effetti collaterali, può determinare vicariazioni progressive cioè peggioramento in una malattia ben più grave e profonda es. dalla Dermatite all’Asma.

Bisogna ricordare che la pelle è come un televisore alla rovescia: l’immagine appare quando dietro c’è qualcosa che non funziona bene; di conseguenza non è lo schermo da riparare ma ciò che c’è dietro: tutta l’esteriorità si cura dall’interno!

Allora: ci potrebbe essere un’intolleranza alimentare? Magari al frumento piuttosto che al latte, oppure alla carne di maiale e quindi a tutti gli insaccati. E se ci fosse un’allergia ai farmaci? Magari all’Aspirina, ma anche alla Pennicillina e ai Sulfamidici. E se invece fosse un allergene esterno? Un conservante, un additivo chimico…
La terapia omeopatica non è certo facile e risolutiva in tempi brevi, ma ottiene risoluzioni più profonde e soprattutto in sintonia con l’Energia Vitale dell’organismo. Si deve tendere innanzitutto alla ricerca del Rimedio di fondo, delSimillimum, cosa non certo facile soprattutto nel bambino molto piccolo. Rimedi ad azione più locale sono: CALCAREA CARBONICA per lesioni specificatamente del cuoio capelluto (crosta lattea del neonato). ANAGALLIS ARVENSIS per dermatiti alle dita e al palmo delle mani. RHUS VERNIX per eruzioni vescicolose. CROTON TIGLIUM se le eruzioni vescicolose sono localizzate a livello degli organi genitali. SULFUR, PSORINUM, GRAPHYTES, ARSENICUM ALBUM, HEPAR SULPHUR, ecc. hanno una profonda azione disintossicante e riequilibratrice cutanea (di pertinenza medica).
Fate tutti i test allergologici e di intolleranze varie possibili, curate bene l’alimentazione e soprattutto l’eliminazione, e poi sentite il parere di un Medico Omeopata.
Tagliate ben corte le unghie dei bimbi in modo che l’inevitabile grattamento dovuto al prurito non provochi ultriori lesioni.