Questo sito contribuisce alla audience di

Si, mi chiamano Mimì - Mimì

da "La Bohème" di Puccini

MIMÌ

Sì.

Mi chiamano Mimì,

ma il mio nome è Lucia.

La storia mia

è breve. A tela o a seta

ricamo in casa e fuori…

Son tranquilla e lieta

ed è mio svago

far gigli e rose.

Mi piaccion quelle cose

che han sì dolce malìa,

che parlano d’amor, di primavere,

di sogni e di chimere,

quelle cose che han nome poesia…

Lei m’intende?

RODOLFO

(commosso)

Sì.

MIMÌ

Mi chiamano Mimì,

il perché non so.

Sola, mi fo

il pranzo da me stessa.

Non vado sempre a messa,

ma prego assai il Signore.

Vivo sola, soletta

là in una bianca cameretta:

guardo sui tetti e in cielo;

ma quando vien lo sgelo

il primo sole è mio

il primo bacio dell’aprile è mio!

Germoglia in un vaso una rosa…

Foglia a foglia la spio!

Cosi gentile

il profumo d’un fiore!

Ma i fior ch’io faccio, ahimè! non hanno odore.

Altro di me non le saprei narrare.

Sono la sua vicina

che la vien fuori d’ora a importunare.