Questo sito contribuisce alla audience di

Vecchia zimarra - Colline

da "La Bohème" di Puccini

Vecchia zimarra, senti,

io resto al pian, tu ascendere

il sacro monte or devi.

Le mie grazie ricevi.

Mai non curvasti il logoro

dorso ai ricchi ed ai potenti.

Passâr nelle tue tasche

come in antri tranquilli

filosofi e poeti.

Ora che i giorni lieti

fuggîr, ti dico: addio,

fedele amico mio.

Addio, addio.