Questo sito contribuisce alla audience di

Mozart e Salieri

L'opera di Rimskij-Korsakov in forma semiscenica al Teatro Massimo di Palermo

7 dicembre 2006 ore 20.30
9 dicembre 2006 ore 18.30

Programma

Antonio Salieri
Tarare ouverture

Nikolaij Rimskij-Korsakov
Mozart e Salieri op. 48
in forma semiscenica
Nuova produzione del Teatro Massimo

Wolfgang Amadeus Mozart
Don Giovanni ouverture KV 527

—————————————–

Direttore Dmitri Jurowski
Regia e progetto scenico Francesco Micheli
Luci Bruno Ciulli

Mozart Marat Gali
Salieri Marek Kalbus

Orchestra del Teatro Massimo

Argomento
Prima scena
Salieri è immerso in foschi pensieri: riflette sulla sua giovinezza di compositore agguerrito e studioso e sulla fatica durata per conquistare, alla fine, il consenso del pubblico. Per la carriera di musicista ha rinunciato a qualsiasi altra cosa. Ora però, dinanzi a Wolfgang Amadeus Mozart, constata che il suo genio indiscutibile non si cura del sacrificio e dell’abnegazione, apparendo uomo ozioso, frivolo e scriteriato. Giunge Mozart, in compagnia di un violinista cieco raccolto per strada mentre suonava melodie celebri da sue opere. È da Salieri per fargli ascoltare delle sue nuove idee. Salieri è costretto a riconoscere la grande bellezza di queste note e, roso dall’invidia, progetta di assassinare Mozart. Lo invita a pranzo al Cervo d’oro, così da portergli versare del veleno nel vino.
Seconda scena
Al Cervo d’Oro, Mozart racconta a Salieri che, lavorando al Requiem, è perseguitato da un’immagine: un uomo misterioso che, avvolto in un mantello nero, gli ha commissionato l’opera. Salieri riesce a versare il veleno e Mozart, ignaro, brinda alla loro amicizia. Accenna quindi, per Salieri , il suo nuovo Requiem. Presto lamenta di non sentirsi bene e va a letto. Salieri medita sull’orribile delitto che ha compiuto: uccidendo un così grande musicista, ha messo a tacere la propria invidia ma a prezzo di sopprimere la fiducia in se stesso. Salieri pensa ancora: un genio forse esiste di per sé stesso, e di sicuro, Michelangelo Buonarroti non avrebbe mai commesso omicidi per invidia; poi ricorda quanto detto poco prima da Mozart: genio e prevaricazione non potranno mai conviver e.

——————————————————————————–

Speciale famiglie
In occasione della recita fuori abbonamento di Mozart e Salieri (9 dicembre) è prevista un’offerta dedicata alle famiglie: i giovani fino a 16 anni accompagnati da due persone adulte hanno diritto all’ingresso gratuito.