Questo sito contribuisce alla audience di

Come affrontare il Colloquio di Lavoro

I segreti di un buon Colloquio di Lavoro


Dopo aver inviato il nostro Curriculum, magari seguendo lo schema indicato nel mio precedente intervento, se superiamo il primo step avremo il piacere di affrontare il colloquio presso l’Azienda oppure presso la società di selezione del personale.

Il colloquio riveste un’importanza strategica, in quanto dovremo essere in grado di mettere in pratica quanto indicato nel Curriculum e suscitare l’interesse del selezionatore verso la nostra figura.

Un buon colloquio inizia già nella sala di attesa, in quanto dobbiamo avere la consapevolezza che potremmo già essere osservati, quindi facciamo un bel respiro prima di entrare nella luogo deputato alla selezione ed avviamoci al fatidico incontro con sicurezza e serenità.

Al contatto con il nostro selezionatore bisogna presentarsi con cordialità e stringere la mano con decisione denota da subito una sicurezza che non può che deporre bene.
Mai la mano “molliccia”, mi raccomando…..

Non avvicinate la sedia al tavolo, rimanete dove l’avete trovata e non incrociate le braccia, ma rimanete composti sorridendo leggermente al nostro interlocutore; i linguaggio del corpo riveste un’importanza strategica.

Rispondete sempre alle domande che vi vengono effettuate, non siate evasivi e non bisognerà mai agitarsi, ma dare serenità e sicurezza darà la giusta direzione al nostro colloquio.

Essere troppo eleganti non serve, insomma non usate i “vestiti delle feste” ma un look curato, anche in relazione alla posizione lavorativa ricercata.

Dimostrate passione per il lavoro che vorreste fare e non dite bugie; una piccola bugia in sede di ulteriore colloquio diventerebbe un problema serio.

Informatevi dell’Azienda che sta ricercando il personale, informatevi del settore merceologico e delle caratteristiche (editoria, informatica etc.) e siate sempre pronti a mostrarvi ambiziosi, ma con moderazione; le Aziende a volte si spaventano delle risorse troppo ambiziose, è meglio dimostrarlo dopo il rapporto lavorativo.

Sono solo alcuni semplici consigli, ma metterli in pratica sarà di grande aiuto

Roberto Pagano