Questo sito contribuisce alla audience di

La mafia nigeriana in Italia

Agli occhi di un incompetente appare come una mafia di scarso rilievo. E' invece una mafia in rapida espansione, pericolosa e violenta

La mafia nigeriana è considerata negli Stati Uniti una mafia estremamente violenta e su cui vigilare con attenzione, mentre in Italia è solo da poco tempo che si sta evidenziando. In particolare, nel nostro paese, gli “sciamani” nigeriani, come a volte vengono definiti per le loro caratteristiche ritualità, costringono migliaia di donne ad operare nell’ambito prostituzionale, previo accordo, in certe zone, come quelle dei litorali campani, con la mafia imperante nel territorio.
Le prostitute nigeriane hanno un tratto semplice e giocoso, ricco di un’antica spontaneità, che piace a tanti utenti italiani, vera prima causa di questo squallido traffico, che non misura più nemmeno il valore della vita umana.
I nigeriani che vivono legalmente in Italia sono circa quindicimila, in maggioranza donne, suddivisi fra l’Emilia Romagna, la Lombardia, la Campania e il Lazio. Oltre alla prostituzione assai praticato il traffico di droga, occultata da nigeriani nel proprio corpo o fatta trasportare da studenti e persone insospettabili.
Alcuni ambulanti nigeriani somigliano ad ambulanti italiani dei tempi antichi, solo che i nostri connazionali proponevano commerci utili, come la vendita della stoffa, dell’acqua, del vino, riparavano coltelli da cucina oppure ombrelli. Ma, anche in questo senso, i nigeriani si stanno rapidamente evolvendo.